Il Gp di Formula Uno a Monza è salvo.

Il Gran Premio di Monza è salvo

Il Gp di Formula Uno a Monza è salvo, ad annunciarlo il senatore Massimiliano Romeo in una nota inviata alla stampa.

Monza, Massimiliano Romeo presidente dei senatori Lega Nord
Monza, Massimiliano Romeo presidente dei senatori Lega Nord

“Con l’emendamento approvato in commissione Affari Costituzionali di cui mi onoro essere il primo firmatario, abbiamo superato quei vincoli operativi che bloccavano Aci e Sias e che rischiavano di compromettere il Gran Premio d’Italia. Monza è da sempre vetrina del nostro paese nel mondo; dare un segnale di presenza e di efficienza anche nello sport rientra nelle intenzioni di buonsenso e buongoverno della Lega”.

E’ soddisfatto il capogruppo della Lega al Senato, che già in passato si era battuto in difesa dell’Autodromo e del Gran Premio.

Si è così rimediato  a un errore nella legge di Bilancio

Ricordiamo che a causare apprensione per il futuro del Gp nella nostra città era stato  un errore nella legge di Bilancio legato alle  norme della Legge Madia sulle società municipalizzate. Una norma  che attribuiva ad Aci gli stessi vincoli di spesa di una municipalizzata, mettendo  quindi a rischio la capacità dell’Automobil club di onorare il contratto (22 milioni per i primi due anni, 24 per il terzo)  sottoscritto con l’ex patron del Circus Bernie Ecclestone legato al Gran Premio d’Italia. Ma  Aci non  è mai stata una municipalizzata e ora questo vincolo è stato attenuato grazie all’emendamento inserito nel decreto Milleproproghe 2018. Aci potrà quindi affrontare le spese del contratto sottoscritto due anni fa con  Ecclestone ed ereditato dai nuovi “padroni” della Formula 1, gli americani di Liberty Media.