Nella giornata dedicata alla festa della donna arriva un messaggio forte da parte del circolo del Pd di Arcore che ha tappezzato le vetrine della sede di via Umberto I° con i nomi di tutte le donne vittime di violenza, con accanto anche la data di quanto è avvenuto l’episodio di violenza.

Anche una frecciata al leader del Carroccio Salvini

E non è mancata anche una frecciata polemica indirizzata al leader della Lega Matteo Salvini e al provvedimento riguardante la legittima difesa: “Gli uomini e le donne del Partito Democratico rifiutano ogni violenza fisica e psicologica, ma soprattutto il pretestuoso aumento delle armi per legittima difesa (o offesa?)”, si legge nel manifesto del Pd.

Il ricordo per le donne vittime di violenza

“Un altro 8 marzo. Ancora mimose – si legge nel messaggio preparato dai vertici del Pd Arcorese e pubblicato sul loro profilo Facebook – In questo giorno vogliamo ricordare e celebrare tutte le donne vittime delle persone che amavano e a cui avevano dato tutto l’amore a loro disposizione. Donne la cui vita è stata strappata dalla mano dei loro mariti, compagni, fidanzati che non hanno esitato ad usare verso di loro armi da fuoco. Non servono altre armi per garantire sicurezza in questa società.
Serve educare ai sentimenti, offrire protezione, tutela e giustizia, per chiunque lo chieda ed aiutare chi non riesce a chiederlo. Non è possibile limitare la celebrazione delle donne ad un solo giorno l’anno, vanno celebrate ogni singolo giorno e invece, ogni singolo giorno una di loro è vittima di soprusi e maltrattamenti. Gli uomini e le donne del Partito Democratico rifiutano ogni violenza fisica e psicologica, ma soprattutto il pretestuoso aumento delle armi per legittima difesa (o offesa?).
Non cambieremo questa situazione sussurrando, facciamo sentire la nostra voce contro ogni tipo di violenza! Lottiamo tutto assieme per scrivere la parola FINE alle violenze. Scriviamo la parola fine a questa interminabile strage”.