In arrivo tre “Porte” per il centro storico. L’Amministrazione ha colto l’occasione della Festa di Desio per presentare il progetto di riqualificazione del centro storico.
Nel fine settimana il sindaco Roberto Corti e l’assessore all’Urbanistica Giovanni Borgonovo hanno incontrato i cittadini in piazza Conciliazione. Rendering alla mano, hanno illustrato i capisaldi del restyling che interesserà l’area centrale della città.

Il piano generale prevede ripavimentazioni e nuovi arredi urbani per 8 milioni di euro

Desio riqualificazione centro con le Porte e gli assi culturale e commerciale
La cartina mostra il piano generale di riqualificazione del centro che avverrà lungo due assi: quello culturale (strade segnate in blu) e quello commerciale (in rosso). Sono anche indicate le tre “Porte” di accesso

Il piano generale, redatto a inizio anno, prevede interventi di restyling lungo due direttrici: l’”asse culturale” (via Matteotti, piazza Conciliazione, via Pio XI, via Lampugnani e la Stazione) e l’”asse commerciale” (via Garibaldi e corso Italia). La riqualificazione avverrà attraverso il rifacimento della pavimentazione in lastre di pietra di colore grigio chiaro, che risalti rispetto al porfido di piccolo formato destinata al resto del tracciato. Non solo, sono previsti anche nuovi arredi urbani, verde pubblico e  l’uso dell’acqua con diversi tipi di fontane. Sono anche in agenda interventi sull’illuminazione pubblica. Opere per un costo complessivo stimato in 8 milioni di euro.

I primi lavori riguarderanno le “Porte” previste nella seconda metà del 2019

I primi interventi a decollare riguarderanno le tre «Porte» di accesso al centro: la «Porta» di corso Italia, quella di via Garibaldi/via Borghetto e quella di Cavalieri di Vittorio Veneto. Secondo la tempistica annunciata dall’Amministrazione, entro fine anno verrà steso il progetto esecutivo e bandita la gara per la realizzazione delle “Porte”. Opere del costo stimato in 500-600mila euro che saranno quindi realizzate nella seconda metà del 2019. “L’idea – spiega l’assessore all’Urbanistica Borgonovo – è quella di far diventare i due assi aree a prevalente uso pedonale, con zone a 30 chilometri orari. Questo per incentivare un uso del centro a piedi o in bicicletta. Partiremo con il rifacimento della pavimentazione in coincidenza delle tre porte, quindi si procederà per successivi passi a riqualificare le strade, mano a mano che ci saranno risorse a disposizione”.