Ultimo appuntamento con Ville Aperte 2019: ancora un weekend con visite, itinerari eventi. Ecco il programma completo dell’ultimo fine settimana di manifestazione.

Ultimo appuntamento con Ville Aperte 2019

In arrivo in Brianza ancora un week end all’insegna della cultura e della bellezza.
Dopo il boom di visitatori dei primi tre fine settimana, c’è ancora tempo per prenotare una visita, scegliere un itinerario o partecipare ad un evento.
Con “Ville Aperte .. e poi” il 5 e 6 ottobre saranno ancora aperti numerosi siti in tutte
le province che hanno aderito alla manifestazione promossa dalla Provincia di Monza e Brianza.

Cosa vedere in Brianza

A Briosco la Fornace Artistica Riva svelerà i segreti dell’antica arte della produzione del cotto lombardo e Cesano Maderno aprirà i suoi tesori: Palazzo Arese Borromeo e le sue sale riccamente affrescate, Palazzo Arese Jacini con il bellissimo oratorio del Transito e l’Antica Chiesa di Santo Stefano. Inoltre, a Desio, sarà visitabile il complesso monumentale di Villa Cusani Tittoni Traversi, uno dei monumenti più rappresentativi in Lombardia delle settecentesche ville di delizia.

Inoltre a Monza si terrà l’Itinerario “Modoetia, un borgo medievale” una passeggiata guidata nel centro storico di Monza, per rievocare il passato medievale della città, attraverso la storia degli edifici ancora oggi conservati: dall’Arengario, l’antico palazzo comunale, alla torre dell’antica via del Sale (l’attuale via Lambro), dalla casa-torre dei Gualtieri al Pratum Magnum sede delle attività commerciali, fino al complesso monastico di Santa Maria in Strada, di cui si visiterà l’antico scriptorium.

A Desio si terrà l’Itinerario “Quattro Passi per Desio”, un giro turistico per conoscere le bellezze artistiche della città di Desio. I visitatori potranno ammirare Villa Tittoni, la Chiesa del Crocifisso, la casa natale di Papa Pio XI, l’antico campanile e tante altre
bellezze architettoniche.

Nel Comasco

Nel territorio di Como, Villa Majnoni d’Intignano, a Erba, offrirà una visita guidata alla scoperta delle sale arredate in stile esotico, delle terrazze belvedere con vista sul Lago di Alserio, del parco e del tempietto classico e, al termine della visita, la padrona di casa proporrà ai visitatori un momento di meditazione orientale. A Merone, invece, saranno visitabili l’Ecofrazione di Baggero, la prima ecofrazione d’Italia, con l’antico mulino utilizzato per produrre energia rinnovabile e la riserva protetta Oasi di Baggero che sarà possibile conoscere grazie alla visita guidata a cura della Cooperativa Demetra Onlus.

Leggi anche:  I City Angels compiono 25 anni

Ad Inverigo si terrà l’Itinerario “La villeggiatura in treno: dalla stazione
ferroviaria alle ville di delizia”. I Visitatori potranno conoscere il paese attraverso la
Stazione Ferroviaria, i Giardini di Villa Cagnola, la scalinata Gigante, la Chiesa di
Sant’Ambrogio, Viale dei Cipressi e il Santuario Santa Maria della Noce.

Nel Lecchese

Numerosi i siti aperti nel territorio di Lecco: ad Abbadia Lariana i visitatori potranno scoprire l’antica arte della lavorazione del filo da seta al Civico Museo Setificio Monti, con l’esposizione del Torcitoio Circolare.
A Garlate sarà visitabile il Civico Museo della Seta Abegg, dove, per l’occasione del
cinquecentenario della morte di Leonardo, è stata allestita un’esposizione di macchine ed invenzioni di Leonardo da Vinci.
Gli amanti della natura potranno visitare i giardini storici di Villa Bertarelli a Galbiate, caratterizzati da serre, ninfei, fontane e flora esotica e a Valletta Brianza, l’oasi di Galbusera Bianca, oasi WWF per la biodiversità.
Tra le ville di delizia aperte si segnalano Villa Sormani Marzorati Uva a Missaglia, che nei precedenti fine settimana ha avuto un grande successo di pubblico, la villa rococò Agnesi Albertoni a Montevecchia e Villa Besana a Sirtori.

Nel Milanese

Nel territorio a nord di Milano sarà invece aperta Villa Borromeo Visconti Litta, a
Lainate, dove il pubblico potrà ammirare le sale affrescate del ‘500 e del ‘700, i Giardini all’Italiana, le settecentesche fontane di Galatea e del Nettuno ed il Parco storico e il Ninfeo, considerato l’esempio più importante e significativo dell’Italia settentrionale proprio per la ricchezza di decorazioni e di giochi e scherzi d’acqua.

Per informazioni
www.villeaperte.info