In Lombardia solo 1 Vigile del Fuoco ogni 3400 abitanti. La denuncia arriva dalla Cisl dopo che questa mattina a Milano si è tenuta una conferenza stampa congiunta con le altre sigle sindacali.

“In Lombardia solo 1 Vigile del Fuoco ogni 3400 abitanti”

Si è tenuta questa mattina nella sede di via Messina a Milano la conferenza stampa organizzata dalle organizzazioni sindacali Cgil Fp Vvf, Cisl Fns, Uil Pa Vvf di Milano e Lombardia, alle quali si è aggiunta la Confsal Vvf, per continuare a tenere alta l’attenzione del Governo e della politica sulle gravi problematiche che attanagliano da sempre i lavoratori e le lavoratrici del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Le vertenze fino ad oggi messe in campo, come sottolineano dalla Cisl in una nota, sono rivolte al riconoscimento della reale specificità e alta professionalità dei Vigili del Fuoco oltre ad un consistente potenziamento degli organici finalizzato a prestare un idoneo servizio sul territorio a tutela della sicurezza sia dei cittadini sia degli operatori stessi.

“A seguito della protesta unitaria di Cgil, Cisl, Uil, alle quali anche allora si era aggiunta la Confsal, tutti gli schieramenti politici hanno presentato emendamenti a favore dei Vigili del Fuoco con lo scopo di una corretta valorizzazione stipendiale e previdenziale e di una tutela assicurativa in caso di infortunio sul lavoro e malattie professionali correlate ad esso – spiegano dalla Cisl. Oggi è fondamentale proseguire su questa strada affinché tali atti normativi siano formalizzati da parte del Governo nella prossima Legge di Bilancio. È tempo di tradurre in concreto le promesse governative e politiche in conseguenza delle rivendicazioni legittime che la nostra categoria reclama ormai da troppo tempo”.

Oltre a chiedere un adeguato riconoscimento economico della specificità professionale, le diverse sigle sindacali di Milano e Lombardia denunciano:

Leggi anche:  Piscine Cologno, tutti assolti: “Il fatto non sussiste”

• la mancanza di un sistema previdenziale che consenta ai lavoratori e alle lavoratrici del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco di vedersi garantire una pensione adeguata alle aspettative di vita;
• la mancanza di un’assicurazione che, come l’Inail, possa tutelarli in toto contro infortuni e malattie professionali.

Pochi per troppi

In Lombardia, in base ai dati comunicati dalla sigla sindacale, i Vigili del Fuoco operativi sono solo 2896 e devono coprire più di 1500 Comuni (due vigili per ogni comune).

“Sono insufficienti sono anche le sedi: in tutta la nostra regione ci sono solo 54 sedi terrestri e 4 aeroportuali (Malpensa, Linate, Orio al Serio, Montichiari). I sindacati chiedono un aumento considerevole delle assunzioni e soluzioni più strutturate per la Lombardia, poiché la dotazione è del 30% inferiore rispetto alla pianta organica prevista dallo stesso ministero. In una regione come la Lombardia, che ha più di 10 milioni di abitanti, un’estensione di 23.863 kmq geograficamente eterogenea, abbiamo solo 1 vigile del fuoco ogni 3.400 abitanti, contro una media europea di 1 vigile del fuoco ogni 1.000 abitanti. Questo genera un allungamento dei tempi di attesa per un intervento e a pagarne le conseguenze sono per primi i cittadini”.