Investe e uccide un cane con l’auto e fugge. “Aiutatemi a rintracciarlo”, l’appello della padrona di Alice, distrutta dal dolore.

Investe e uccide un cane con l’auto e fugge

Sono passati esattamente due mesi dal drammatico investimento che le ha portato via la sua cagnolina di quattro anni, un bellissimo incrocio setter breton, e Marilinda Mastropierro non di dà pace:  “Nessuno potrà restituirmi la mia Alice, ma chiedo che almeno sia fatta giustizia”. La donna si sta battendo con ogni mezzo per risalire al pirata della strada.

L’incidente due mesi fa a Cesano

Domenica 9 dicembre intorno alle 23.30 – 23.45, all’altezza del giardinetto Angelo Gays in corso Roma a Cesano Maderno, un’utilitaria bianca proveniente dal centro a grandissima velocità ha investito sulle strisce pedonali Alice, che era tenuta al guinzaglio dal suocero della donna. “Il conducente della macchina non si è fermato e non ha prestato soccorso né al mio cane, né a mio suocero e al suo cane, che sono stati sfiorati”. L’auto ha svoltato verso l’istituto superiore Majorana e ha continuato la sua corsa. Marilinda ha segnalato l’episodio non solo al sindaco Maurilio Longhin e alla Polizia locale, ma anche alle redazioni dei programmi televisivi “Striscia la notizia” e “Le Iene”. E’ ancora sotto shock.

Leggi anche:  Stasera a Striscia la Notizia tapiro d'oro per Morgan

Niente telecamere, si cercano testimoni

Dopo aver portato Alice dal veterinario, che purtroppo non ha potuto fare altro che constatarne il decesso, la donna si è recata alla Tenenza dei carabinieri per sporgere denuncia. “Purtroppo – continua – ho scoperto che in quel punto non ci sono telecamere da poter visionare per risalire al colpevole. L’auto viaggiava a fortissima velocità e mio suocero non ha avuto modo di appuntare la targa”. La donna si appella quindi a testimoni: “Ci sarà pure qualcuno che ha sentito il botto e ha visto cosa è successo. Così come ci sarà un carrozziere che ha ricevuto un’auto bianca con la carrozzeria ammaccata”. Quindi riflette: “Se al posto del mio cane ci fosse stato un uomo o addirittura un bambino?”.