“De Roma per un giorno… E un in bocca al lupo a me per questa avventura”. Così ha postato su Instagram Martina Motta, la splendida miss di Albiate, dopo la partecipazione in tv a “Pressing”, trasmissione di approfondimento calcistico di Mediaset in onda la domenica sera su Canale 5. Non ci ha impiegato molto Martina a conquistare il cuore e gli occhi dei tifosi di fede giallorossa, ma anche quelli del pubblico del popolare programma condotto dal vulcanico Pierluigi Pardo.

La Miss accanto al mitico Pellegatti

Miss Lombardia 2016 ha trovato posto sulla poltrona riservata ai tifosi della squadra di Eusebio Di Francesco a fianco del mitico Carlo Pellegatti in studio come ambasciatore, manco a dirlo, del Milan di Rino Gattuso.
“Per me è un mondo ancora tutto nuovo, ma da dove imparare molto – ha dichiarato Martina Motta – Vedo persone attentissime ai minimi particolari, e io mi sento quasi “stupida”. Ho avuto l’opportunità e la fortuna di poter assistere alle prima, e non solo, puntata di un programma rispolverato dopo anni e anni, con al timone un professionista come Pierluigi Pardo, affiancato da due bellissime donne, di cui oltre che per la oggettiva bellezza ne sono rimasta affascinata per la capacità di presentare e se mi posso permettere di non sbagliare nemmeno una virgola. Quindi uno dei miei grandi sogni sarà anche quello un giorno di poter arrivare a quei livelli, riuscire a parlare con naturalezza e senza copione di un qualsiasi argomento senza paura”.

“Mi sono guadagnata tutto da sola”

La giovane studentessa universitaria ha poi voluto chiarire che la sua partecipazione a Miss Italia non ha nulla a che vedere con questa sua nuova avventura nel mondo della Tv.
“Non ho mai avuto agevolazioni dal concorso, nonostante il mio impegno messo in quel 2016. Non ho mai riscontrato nulla dal concorso, se non qualche follower. Senza dubbio una buonissima carta di presentazione, ma mi sono sempre costruita e guadagnata tutto da sola, trovando i contatti e le persone giuste per conto mio. Purtroppo è la dura e deludente realtà”.

Leggi anche:  Brugherio calcio, via Melosi c'è Tassi

Il suo grazie va a chi l’ha saputa consigliare, alla sua famiglia e al suo fidanzato per il sostegno e a Carlo Pellegatti “per la sua simpatia…”.