La Brianza conquista anche MasterChef. Si, perchè nella puntata del cooking show andata in onda ieri sera su Sky, uno dei concorrenti si è dovuto cimentare con il piatto brianzolo per eccellenza: la cassoeula. Costringendo pure chef Cannavacciuolo, campano doc, a fare i conti con il dialetto. Con risultati non proprio esaltanti, ma di sicuro divertenti.

La Brianza conquista Sky

L’occasione l’ha offerta la prova dell’Invention Test. I quattro giudici – oltre ad Antonio Cannavacciuolo, Antonia Klugmann, Bruno Barbieri e Joe Bastianich – hanno mostrato a Simone, concorrente vincitore della prova precedente, cinque gioielli della cucina italiana.  La genovese, la ribollita toscana, il brasato al barolo, la coda alla vaccinara e la cassoeula. L’aspirante chef ha potuto distribuire ciascuno dei piatti tra sè ed i suoi avversari, ai quali ha affibbiato anche qualche svantaggio.

Tutte ricette “pesanti” che i concorrenti hanno dovuto reinventare, alleggerendole, senza però perderne il gusto.

Al giovane Alberto è andata la cassoeula che lui ha reinterpretato magistralmente, utilizzandola come base per un risotto.

Leggi anche:  Educazione alla pace all'Urban Center

Chef Cannavacciuolo… nei guai

E’ andata peggio allo chef partenopeo che, nonostante l’aiuto dei colleghi, non è proprio riuscito ad azzeccare la pronuncia della cassoeula. Scatenando l’ilarità in studio. E a casa.