La luganega di Monza doc è prodotta a Verano. Ed è andata anche in tv.

Luganega doc

Da cent’anni fanno la storia della macellazione puntando sull’eccellenza delle carni e proprio grazie a ciò, giovedì scorso, sono stati anche tra i protagonisti della puntata di “Geo&Geo” in onda su Rai 3. A Verano, quasi tutti conoscono la macelleria di Gigi Viganò, (originario di Paina) che insieme al suo socio, Giovanni Mandelli, scomparso qualche anno fa, ha aperto il negozio nel 1974 in via Achille Grandi. Un punto di riferimento per tante famiglie della zona e dei comuni vicini, anche perchè sono considerati tra le migliori macellerie della Brianza e nel perfetto stile di “Slow food”, di cui fanno parte. Fiore all’occhiello della loro produzione e vendita però è la luganega di Monza, un prodotto di eccellenza della Brianza, selezionato insieme ai formaggi di Montevecchia e alle patate di Oreno, per andare in tv, alla nota trasmissione di Sveva Sagramola.

“Hanno girato il servizio a luglio dell’anno scorso ed è andato in onda giovedì – racconta Michela Viganò, una delle due figlie di Gigi – per noi è stata una bella occasione per far conoscere a tutta Italia uno dei nostri prodotti di eccellenza, la luganega, che stava scomparendo dalle tavole. Mio padre e il suo socio e prima ancora i suoi nonni e bisnonni, che erano allevatori e macellai, producevano la luganega di Monza, di cui ci sono tracce già nel 1500″.

Leggi anche:  Verano, festa patronale con tante novità quest'anno

“Ecco il mio segreto”

A spiegarne i segreti è Gigi Viganò, il vero “maestro”: “Si tratta di una salsiccia più grossa di quella classica, più chiara, ma non perchè sia più grassa, bensì per l’impasto. All’interno c’è grana, marsala e aromi naturali, anche se un tempo si metteva il brodo di carne; è una vera eccellenza brianzola, da salvaguardare e valorizzare. L’accademia della cucina ci ha dato anche un premio”.
E così fanno ormai da parecchi anni nel “Mini Market delle Carni” di via Grandi, grazie a Gigi Viganò, aiutato da due macellai esperti, Enio Turati di Giussano e Rodolfo Pirotta di Besana, da un salumiere e dalle due figlie. “Crediamo molto in questo prodotto, ecco perchè abbiamo anche creato un sito www.luganegadimonza.it e siamo finiti in televisione” spiega Michela. La luganega di Monza di Gigi Viganò finirà però anche sulla rivista “Bell’Italia”.
“Alcuni giornalisti sono venuti da noi la scorsa settimana, per un servizio… siamo felici di diffondere in giro per l’Italia le nostre eccellenze”.