La Protezione civile in 7 piazze della Brianza. “Io non rischio”: campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile il 12 e 13 ottobre, impegnati 65 volontari.

La Protezione civile

La Provincia di Monza e Brianza inaugura la prima “Settimana nazionale della Protezione Civile” rinnovando l’appuntamento annuale nelle piazze per la campagna “Io Non rischio”.
“Io Non rischio è diventato un appuntamento importante che si rinnova ogni anno grazie alla partecipazione e dedizione dei volontari che si preparano con corsi di formazione mirata per incontrare i cittadini e spiegare le buone prassi di protezione civile. Invito tutti a scendere nelle piazze coinvolte per conoscere chi lavora per proteggere il nostro territorio”, ha commentato il presidente della Provincia MB Luca Santambrogio.

Volontari in 7 piazze

Sabato 12 e domenica 13 ottobre, in contemporanea con le altre città in tutta Italia, in 7 piazze della Brianza saranno allestiti punti informativi in cui 65 volontari, coordinati dalla Provincia MB, incontreranno i cittadini per sensibilizzarli sui rischi. Alluvione, terremoto.

Per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per la prevenzione, i volontari di protezione civile invitano tutti a partecipare agli appuntamenti nelle piazze di:

Bovisio Masciago – Corso Milano, angolo Via Paganini – sabato 12 ottobre dalle 9.30 alle 18.30. Alle  10 è in programma una Geo camminata nei luoghi sensibili al rischio idraulico del territorio.

Briosco – Piazza della Chiesa – domenica 13 ottobre dalle 8.30 alle 12.30. I volontari informeranno i cittadini sulle buone pratiche da adottare in caso di alluvione.

Brugherio – Piazza Roma – sabato 12 e domenica 13 dalle 9 alle 18. Una due giorni dedicata al rischio sismico. Sono in programma una geocamminata sabato dalle 10.30; l’installazione di un sismografo “shakemob” domenica alle 17.

Lissone – Piazza Libertà – sabato 12 e domenica 13 dalle 10 alle 12.30 e dalle 17 alle 19. I volontari informeranno i cittadini sulle buone pratiche da adottare in caso di alluvione.

Leggi anche:  Il rapper: "Non ho infangato il nome di Seregno"

Monza – Villa Reale – sabato 12 e domenica 13 dalle 10 alle 18. I volontari informeranno i cittadini sulle buone pratiche da adottare in caso di alluvione. Sabato 13 è in programma una geocamminata.

Roncello – Piazza Sant’Ambrogio – domenica 13 ottobre dalle 9 alle 13. I volontari informeranno i cittadini sulle buone pratiche da adottare in caso di alluvione

Cosa è “Io non rischio”

Il volontariato di protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per comunicare sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Il 12 e il 13 ottobre volontari e volontarie di protezione civile allestiranno punti informativi “Io non rischio” nelle principali piazze italiane, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.
L’edizione 2019 coinvolge oltre 5.000 volontari e volontarie appartenenti a 750 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia.

Una campagna nata nel 2011

“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto, un maremoto o un’alluvione.

TORNA ALLA HOME