L’arcivescovo in città per i sessant’anni dell’oratorio. Monsignor Mario Delpini a Cesano Maderno per il compleanno del Don Bosco.

L’arcivescovo in città per i sessant’anni dell’oratorio

Martedì prossimo, 19 marzo, alle 21, nella chiesa di Santo Stefano, l’arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, celebrerà la messa per i sessant’anni della posa della prima pietra dell’oratorio Don Bosco. Era il 19 marzo 1959 quando l’allora arcivescovo Giovanni Battista Montini futuro Papa Paolo VI dava infatti il via al cantiere per la costruzione del centro giovanile parrocchiale del centro.

Sei lanterne voleranno nel cielo

Al termine della messa, sul piazzale della chiesa, è previsto il lancio di sei lanterne, una per ogni dieci anni di “luminoso cammino dell’oratorio”. Il 19 marzo 1959 l’arcivescovo Montini, come detto, posava la prima pietra. Il 19 marzo 1962 il cardinale faceva ritorno al Don Bosco per la prima pietra del Palazzo spettacoli (oggi cineteatro Excelsior), l’inaugurazione dei campi da gioco e la benedizione delle lapidi dei principali benefattori.

Leggi anche:  Morta di meningite a Saronno ragazza di soli 24 anni

L’apertura ai giovani nel settembre 1962

L’oratorio di via Cesare Cantù fu poi ufficialmente aperto ai giovani nel settembre del 1962 con l’inizio dell’anno pastorale. Lo ricorda l’incisione sull’imponente lastra di marmo nell’atrio: il centro giovanile Don Bosco, “frutto e premio di un popolo generoso e fedele”, è stato solennemente inaugurato “sotto il glorioso pontificato di Giovanni XXIII dal venerato pastore cardinale arcivescovo Giovanni Battista Montini nell’anno fausto del Concilio Vaticano II”.