Le Reti del Cuore, ultimi giorni per votare il progetto preferito.  Fino al 5 maggio tutti i cittadini sopra i 14 anni possono esprimere la loro preferenza e partecipare al percorso di rivalutazione artistico e culturale del territorio.

Le Reti del Cuore, ultimi giorni per votare

Tutela del patrimonio culturale, sviluppo della cultura e rilancio del turismo sono i valori fondanti dell’iniziativa.  Arrivata alla sua terza edizione, “Le Reti del Cuore” vuole sostenere il territorio brianzolo incentivando lo sviluppo di un’area strategica come quella della cultura e coinvolgendo direttamente la comunità.
Sono i cittadini a scegliere i progetti più interessanti a cui destinare il bonus. Fino al 5 maggio (le votazioni si sono aperte a metà marzo)  è possibile  votare il progetto preferito  sul sito dedicato:  www.leretidelcuore.it  Si partecipa così  al percorso di rivalutazione artistico e culturale del territorio.

Due le novità di quest’anno

Questa terza edizione ha portato con sé due importanti novità: la partecipazione e il contributo di «BrianzAcque», oltre a quello di «RetiPiù», e l’aumento del finanziamento erogato che è di 1 milione di euro, distribuito tra i 12 progetti più votati dalla comunità. Sono 23 i progetti di intervento di riqualificazione artistico-culturale presentati quest’anno.
In gara i Comuni di: Agrate Brianza, Arcore, Barlassina, Bernareggio, Besana Brianza, Biassono, Bovisio Masciago, Brugherio, Desio, Cabiate, Cesano Maderno, Cogliate, Figino Serenza, Lentate sul Seveso, Lissone, Mariano Comense, Meda, Monza Muggio, Nova Milanese, Seregno, Sovico, Verano Brianza.

RetiPiù e BrianzAcque a braccetto

“Le Reti del Cuore sono il simbolo della mission di RetiPiu’, valore per il territorio, che si esprime in efficienza, interventi concreti, soluzioni per migliorare la vivibilità e la qualità della vita nei nostri comuni e nelle nostre città. La nostra sede e la nostra attività sono qui: per noi è una questione non solo di lavoro, ma di responsabilità e appartenenza”. Così si era espresso il presidente dell’Ente Mario Carlo Novara all’atto di presentare l’iniziativa che si avvia a conclusione. “Per un’azienda come RetiPiù è importante non solo garantire servizi di alta qualità, ma intraprendere azioni concrete per lavorare a fianco delle persone e per il territorio e garantirne lo sviluppo, nelle sue molteplici sfaccettature ed espressioni. In questa direzione va Le Reti del Cuore: quest’anno sono ben 23 le Amministrazioni che come noi hanno creduto fortemente nella possibilità di fare qualcosa insieme per migliorare la qualità della vita di tutti. Questo è per noi motivo di soddisfazione e orgoglio, una conferma che il nostro modo di lavorare è utile e produttivo per tutti”.

“L’acqua è l’elemento base della vita e della crescita delle persone come della terra. E la cultura è l’energia con la quale si nutre la crescita di ognuno di noi sin da quando iniziamo a scoprire il mondo da bambini – ha spiegato Enrico Boerci, Presidente e Ad di BrianzAcque – Che sia la cultura della bellezza di un monumento o di un luogo o quella che assorbiamo leggendo fumetti e libri, navigando in rete, ascoltando musica, guardando film. Tutto questo accade nei luoghi che hanno scelto di finanziare insieme a noi i 23 Comuni che hanno partecipato alla sfida di Reti del Cuore. Siamo orgogliosi di aver condiviso questa sfida con Reti Più e per questo siamo sicuri che dare un piccolo contributo attraverso questo percorso alla crescita dei nostri cittadini sia parte integrante della nostra missione”.

Leggi anche:  I titolari del bar della vincita milionaria a Lodi ora sono "perseguitati"

Questi i 23 progetti in gara

Agrate Brianza, Spazio Expo della Cittadella della Cultura. Valorizzare lo spazio Expo capitalizzandone le grandi potenzialità strutturali e logistiche, per garantire l’allestimento ottimale di mostre e di esposizioni artistiche.
Arcore, La Biblioteca dell’Abate. Progetto di un centro innovativo di conservazione e valorizzazione del patrimonio librario in Villa Borromeo d’Adda.
Barlassina, progetto nuovi spazi per la cultura.
Bernareggio, riqualificazione di Palazzo Landriani – Biblioteca dei piccoli. La Villa Landriani Bonacina, Gallesi, sarà un luogo pensato come Palazzo per fornire servizi dedicati alla cultura e al tempo libero.
Besana Brianza, riqualificazione del Parco di Villa Filippini.
Biassono, rifacimento aree esterne Villa Verri.
Bovisio Masciago, restauro edificio ex scuola elementare Ercole Radice.
Brugherio, riqualificazione del Monumento Siviero.
Cabiate, Villa Padulli. Recupero architettonico e restauro conservativo del viale interno e del muro del parco.
Cesano Maderno, Palazzo Arese Borromeo, Affreschi della stanza detta «Del Castello».
Cogliate, Viale Chiesetta di San Damiano a Cogliate.
Desio, restauro della Cappella interna – affreschi pittorici e decorativi.
Figino Serenza, sistemazione degli accessi alla Villa Ferranti con creazione di percorsi di accesso pavimentati e di percorsi di fruizione del parco.
Lentate sul Seveso, Oratorio di Santa Maria Nascente in Mocchirolo. Intervento di manutenzione straordinaria.
Lissone, Villa Reati, restauro conservativo e consolidamento della copertura.
Mariano Comense, ampliamento e Rriqualificazione biblioteca comunale.
Meda, riqualificazione del vecchio camminamento di accesso alla piazza Vittorio Veneto.
Muggiò, Mausoleo Casati Stampa. Restauro conservativo dell’area.
Monza. Potenziamento della biblioteca di Cederna al fine di ottenere un edificio funzionalmente flessibile e rispondente alle esigenze della collettività.
Nova Milanese. Ristrutturazione della villa Vertua Masolo.
Seregno, Biblioteca Civica Ettore Pozzoli – Un giardino per la biblioteca.
Sovico, Riqualificazione sede Biblioteca comunale.
Verano Brianza, Biblioteca Civica Mons. Galbiati.