Un grave lutto ha colpito nel fine settimana la comunità di Peregallo che ha perso una colonna del volontariato. Giovedì notte, all’età di 82 anni, si è fermato il generoso cuore di Maria Donadoni (foto), volto noto per i tanti anni passati nella Raselp e nel sostegno di disabi, anziani e bisognosi.

La donna era originaria di Caprino Bergamasco

Originaria di Caprino Bergamasco, Maria Donadoni era approdata a Peregallo agli inizi degli anni Cinquanta insieme ai genitori Coronato e Palmina, e i sei fratelli Teresa, Guerino, Giovanni, Battista, Piera ed Ersilia. La Donadoni, che lavorava come cuoca, era rimasta vedova a soli 29 anni del marito Pierino Corno, e si era risposata circa trent’anni fa con Luigi Sala, con cui era andata a vivere a Camparada.

Colonna in Raselp

Per tanti anni è stata una colonna della Raselp, associazione oratoriale che la vedeva sempre in prima fila quando si trattava di cucinare, di darsi da fare per vendere i biglietti della lotteria e preparare le feste. Un impegno che le è valso diverse medaglie per la sua fedeltà consegnate dal sodalizio sportivo peregallese.

Leggi anche:  La Biblioteca di Desio aderisce al BiblioPride 2019 con un omaggio speciale a Leo Lionni

Il cordoglio del presidente Viganò

“Maria è stata una vera colonna portante per il nostro gruppo sportivo – ha sottolineato il presidente della Raselp Angelo Viganò con le lacrime agli occhi – Lei ci ha sempre aiutato non solo dietro ai fornelli. Da qualche anno non riusciva più a darci una mano come prima, ma il suo ricordo e la sua testimonianza rimarranno per sempre con noi. Ciao Maria”.

Opera di volontariato anche con i disabili e in Caritas

Ma la sua opera di volontariato andava oltre: dava una mano ai disabili impiegati nelle cooperative e c’era sempre quando le persone deboli e anziane avevano bisogno di essere accompagnate a fare la spesa o nei luoghi di cura. La Donadoni era anche impegnata nella Caritas parrocchiale. Insomma un esempio di disponibilità e impegno verso il prossimo.
I funerali sono stati celebrati sabato mattina nella chiesa parrocchiale di Lesmo. Dopo la funzione, la salma è stata accompagnata verso la cremazione.