Meda in lutto per la scomparsa dello scultore Alberto Ceppi. Molto conosciuto e stimato, è venuto a mancare all’età di 70 anni.

Meda in lutto per il “suo” scultore, Ceppi era molto conosciuto e stimato

Allievo di Francesco Messina, nella sua formazione è venuto in contatto con grandi maestri come Umberto Milani, Marino Marini, Luciano Minguzzi, Enrico Manfrini, Mauro Reggiani, Cristoforo de Amicis. Ha insegnato Ornato Disegnato al Liceo Artistico di Brera, incarico di ruolo che ha lasciato nel 1977 per dedicarsi alla libera professione.  Sue sculture, vetrate e mosaici  sono conservate presso chiese, musei, collezioni civiche, enti pubblici e privati italiani e stranieri.

Ha esposto le sue opere in moltissime mostre

Ha esposto in centri culturali, musei, gallerie e presso pubbliche istituzioni. Ha inoltre partecipato a significative collettive in Italia e all’estero. Ha realizzato medaglie e opere che sono state assegnate a Papa Paolo VI e Giovanni Paolo II, al regista Franco Zeffirelli, a Michael Gorbaciov, a Kevin Kostner. Ha illustrato numerose pubblicazioni. Nel 1977 ha contribuito alla nascita di “Radio Seregno” conducendo settimanalmente il programma  “Itinerari Artistici – 15 minuti con Alberto Ceppi”.

Leggi anche:  Il dolce Natale che fa bene: panettoni e pandori per La Nostra Famiglia

Un artista innovativo, anche un monumento per i caduti dell’Onu

Nel 1999 ha vinto il concorso indetto dalla Amministrazione comunale di Varedo per la realizzazione del primo monumento al mondo dedicato a tutti i caduti dell’Onu. Il monumento “Kosmos” stato inaugurato nel marzo del 2001 alla presenza di Staffan de Mistura, iniziativa inclusa nell’agenda degli avvenimenti per il 2000 delle Nazioni Unite.

Un impegno culturale e sociale a 360 gradi

È stato fra i fondatori e Presidente del “Rotary Club Meda e delle Brughiere” e fondatore e primo Presidente del “Rotary Club Sesto Milium – Centenario”, club nato per celebrare i 100 anni del Rotary International. Per il suo impegno culturale e sociale gli è stata assegnata dal Rotary International la “Paul Harris Fellow” con due zaffiri. Nel 2010 è stato coautore e curatore del volume “Villa Pelucca e gli affreschi di Bernardino Luini”. Dal 1985 è Presidente del Comitato Intercomunale per l’Interramento delle Ferrovie Nord – linea Milano-Asso. Nel 2004 è fra i protagonisti del film-documentario “Terra, sottoterra e cielo” premiato al festival Filmmaker 2004 allo Spazio Oberdan – Milano, per la sezione “Paesaggi Umani”.