Mercatone Uno, il segretario della Cgil incontra i lavoratori del punto vendita di Cesano Maderno.

Mercatone Uno, il segretario della Cgil incontra i lavoratori

Il segretario generale nazionale della Cgil, Maurizio Landini, a Monza il 26 giugno per consegnare i diplomi della scuola Alisei (dedicata a ragazze e ragazzi tra i 16 e i 26 anni) incontrerà i lavoratori e le lavoratrici di Mercatone Uno. “L’incontro di Landini con gli allievi della scuola di formazione politica – dichiara Angela Mondellini, segretaria generale della Cgil di Monza e Brianza – sarà anche l’occasione per approfondire i temi della nostra azione contrattuale e delle nostre mobilitazioni sul lavoro e sui diritti”. L’appuntamento, aperto al pubblico, è alle 16.30 alla sala Bruno Trentin della Camera del Lavoro di Monza, in via Premuda 17.

Cassa integazione fino a dicembre

Sono cinquantadue i dipendenti Mercatone Uno di Cesano Maderno rimasti senza lavoro per il fallimento della Shernon, la società che nell’agosto dello scorso anno aveva acquisito 55 punti vendita in tutta Italia, tra cui quello di Cassina Savina a Cesano. L’accordo siglato mercoledì al ministero dello Sviluppo economico prevede lo sblocco della cassa integrazione straordinaria fino al 31 dicembre. I lavoratori potranno insomma accedere alla cassa integrazione a zero ore (che potrà essere prorogata) con data a partire dal 24 maggio, quella in cui il tribunale ha decretato il fallimento.

Leggi anche:  Lavori sulla Statale 36: carreggiate più strette da lunedì al 5 settembre

Insoddisfatti i rappresentanti sindacali

Un accordo che non soddisfa in pieno i rappresentanti sindacali, che anticipano infatti l’intenzione di ricorrere alle vie legali per ottenere il riconoscimento delle condizioni di pre-cessione alla Shernon: i lavoratori avevano infatti accettato di tagliare in modo significativo l’orario di lavoro, e di conseguenza il salario, in cambio dell’impegno della nuova proprietà di garantire una occupazione stabile entro due anni. “Abbiamo sostenuto – così Matteo Moretti, segretario Filcams Cgil Monza e Brianza – la necessità di tornare alle condizioni contrattuali antecedenti la cessione a Shernon poiché gli impegni assunti dall’azienda e garantiti dal Mise in questi mesi non sono stati mantenuti”. Moretti annuncia battaglia: “E’ una questione di equità e giustizia e di restituzione del maltolto. Ci riserviamo ogni iniziativa e azione per tutelare le condizioni di reddito dei lavoratori”. «Sicuramente – aggiunge Marianna Iurato, delegata sindacale del punto vendita di via Don Luigi Viganò a Cesano – continueremo a battere chiodo”.