Mongol rally. Il capriatese Giacomo Chignoli è partito sabato da Trezzo per disputare il raid. Percorrerà 16mila chilometri.

Mongol rally

Amici, sponsor e autorità, hanno salutato, sabato pomeriggio, la partenza del capriatese Giacomo Chignoli e del bottanuchese Pierluigi Sala alla volta del Mongol Rally.
La Panda 4×4 del 1998, allestita per il massacrante raid che si svilupperà lungo le steppe dell’Asia, si è presentata sabato per lo start dall’alzaia di Trezzo, con un’accattivante livrea da gara e un tonante clacson bitonale, che ha risuonato al momento del via. Per allestirla, i due piloti e il loro team hanno lavorato fino all’ultimo minuto, come spesso avviene nelle corse.

Presenti i sindaci di Capriate e Trezzo e il vice di Vaprio

Il momento della partenza ha avuto anche tre cerimonieri d’eccezione come il primo cittadino di Trezzo, Danilo Villa, il borgomastro di Capriate Vittorino Verdi e il vicesindaco i Vaprio Eugenio Galbiati presenti con le fasce tricolori ed entusiasti dall’avvenimento. Armato di bandiera a scacchi, è stato proprio il primo cittadino trezzese a dare il via all’equipaggio dell’Orobica Speed, tra gli applausi e gli incoraggiamenti dei presenti.

Leggi anche:  Infortuni sul lavoro: partita la campagna di informazione preventiva in tv

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE