Nasce l’“L’Osservatorio verso rifiuti zero”.  A Desio, dando seguito a una deliberazione del Consiglio comunale del novembre scorso, la giunta guidata dal sindaco Roberto Corti ha istituito questo organismo, che avrà il compito di monitorare di continuo, rendendolo partecipato, il percorso possibile verso l’obiettivo rifiuti zero, indicando evoluzioni e innovazioni nel settore della gestione dei rifiuti sia a livello nazionale che internazionale.

A Desio nasce l'”Osservatorio verso rifiuti zero”

L’osservatorio è composto da cinque persone: due consiglieri comunali, Nunzia Smiraglia per la maggioranza e Luca Pace per la minoranza, dall’assessore all’Ambiente del Comune, Stefano Bruno Guidotti, da un membro qualificato di Gelsia Ambiente, Giulio Villa, da Maria Rosa Manca, del Coordinamento Rifiuti Zero Italia e da Simona Compostella di Legambiente Desio. L’osservatorio si riunirà almeno due volte l’anno e non percepirà alcun compenso.

I risultati fino ad oggi

Sulla gestione sostenibile dei rifiuti, Desio ha già raggiunto risultati importanti di raccolta differenziata, toccando nei primi mesi del 2019 quasi l’80 per cento. “Ciò dimostra che avviare al riciclo alte percentuali di rifiuti che così possono tornare a nuova vita riducendo il consumo di risorse e di energia, è più che possibile – commenta l’assessore Guidotti. – Come Amministrazione comunale stiamo lavorando per aumentare ulteriormente queste prestazioni. Stiamo lavorando con aziende operanti nel settore per individuare un impianto per il riciclo dei pannolini e dei pannoloni che a Desio raccogliamo in modo differenziato dall’anno scorso, con ottimi risultati”.

Leggi anche:  Sfida benefica lungo l'Adda per la Pescatori Tritium

Nuovi traguardi da raggiungere

“Proporremo ai Comuni del territorio di condividere questa scommessa – prosegue Guidotti – Un altro importante terreno su cui anche grazie al lavoro che faremo con l’Osservatorio si possono ottenere ulteriori e importanti traguardi, è coinvolgere la grande distribuzione in percorsi sempre più efficaci di riduzione degli imballaggi”.