Gli slogan che vanno per la maggiore fra le ricerche in Rete, in questo momento (sono iniziati i giorni della merla) sono: “bomba di neve“, “ondata di gelo“, “freddo artico” e via dicendo. Insomma, si prevede un peggioramento del clima e le previsioni meteo degli ultimi giorni – condizionale più, condizionale meno – hanno evocato di nuovo la neve… ma arriverà davvero?

Accumuli fino a 8 centimetri

“In realtà, non ci sarà nessuna ondata di gelo in arrivo sulla Lombardia, ma finalmente vivremo un clima invernale nella norma con temperature intorno agli zero gradi e con almeno due episodi di neve. Per un inverno tra i più caldi e più secchi di sempre in Lombardia, sarà una piccola rivincita!

Così l’esperto meteo brianzolo Christian Brambilla.

Previsioni giorno per giorno

Martedì: soleggiato su gran parte della regione, salvo qualche locale nebbia e foschia sulla bassa Lombardia. Dal tardo pomeriggio prime velature, in serata rapido passaggio a cieli nuvolosi a partire dalle zone centro/occidentali.

Nella notte inizio delle nevicate su Pavese, Lodigiano, Comasco, Brianza, Lecchese, Varesotto.

Mercoledì: tra la notte e per buona parte della mattinata neve sulle zone centro/occidentali della regione. Tendenzialmente limite neve in pianura intorno al confine con Adda. Nel primo pomeriggio fenomeni in via di rapido esaurimento. In serata variabilmente nuvoloso con qualche apertura del cielo.

Leggi anche:  Specializzandi di medicina in Avis: ecco la proposta

Accumuli previsti: Varesotto 5-8 cm, Comasco e 4-7 cm, Brianza e Lecchese occidentale 3-5 cm, Brianza e Lecchese orientale 1-3 cm, Milanese occidentale e Pavese 3-6 cm, Milanese orientale e Lodigiano 1-3 cm. In Valtellina fino tra i 5 e 10 cm sul fondo valle, mentre tra i 10/15 cm nelle zone montuose. Altrove accumuli minimi o scarsi.

Giovedì: nuvoloso, dalla serata altra nevicata in arrivo moderata su centro/ovest regione.

Venerdì: situazione ancora da inquadrare. Possibile nevicata di una certa consistenza su centro/ovest regione con accumuli importanti su Pavese, Varesotto e Comasco. Nel prossimo bollettino saremo più precisi.

Modelli ancora in evoluzione

L’esperto meteo Brambilla ci ricorda che in Lombardia non si può prevedere neve con una certa affidabilità prima di 24 o se va bene 48 ore prima:

“La nostra regione al mondo è tra le più difficili nello stabilire previsioni di questo tipo per via della sua peculiare orografia. Prevedere neve con quattro o cinque giorni d’anticipo non ha senso e parlare addirittura di centimetri ancora meno: diffidate sempre dal ‘terrorismo’ meteo”.

 

daniele.pirola@netweek.it