Nonno Gianni, volontario Aido attivissimo a Meda, presenta il suo libro dedicato alla nipote, che ha ricevuto apprezzamenti anche da Papa Francesco.

Nonno Gianni presenta “Pensieri del cuore”

Ha messo nero su bianco i suoi pensieri, le sue emozioni, le sue rime, tutto il suo mondo, dedicando questa raccolta all’adorata nipote Sonia, 14 anni a novembre. Adesso Giovanni Bizzozero, da tutti conosciuto come «nonno Gianni», è pronto a condividere coi concittadini la sua passione e la sua storia da instancabile volontario, prima in Avis e tuttora in Aido. Ed è stato proprio il Gruppo comunale Aido, con il patrocinio del Comune i Meda, ad aver organizzato la presentazione del libro, «Pensieri del cuore di nonno Gianni», sabato 19 maggio, alle 15.30 in Medateca (via Yuri Gagarin, 13).

Una raccolta di 200 scritti, tra poesie, preghiere e aforismi

Una raccolta di circa 200 scritti, tra poesie, preghiere, aforismi, semplici pensieri. «Mi viene naturale mettere su carta quello che penso o provo, ho sempre scritto pensieri e poesie in modo spontaneo – racconta nonno Gianni – Poi, casualmente, c’è stata l’occasione di far leggere i miei componimenti a un’insegnante, che mi ha fatto i complimenti e dato coraggio, così ho deciso di pubblicare una raccolta». Ma anche la figlia Barbara ha sempre creduto nella bravura del padre, a tal punto che l’anno scorso ha deciso di inviare una parte del materiale poi confluito nel libro direttamente a Papa Francesco, «che tramite un suo delegato mi ha risposto con una pergamena, ringraziandomi per il pensiero», ricorda soddisfatto nonno Gianni, che a Meda è una vera e propria istituzione.

Leggi anche:  Non solo cani: pesci rossi abbandonati ad agosto, serve un acquario pubblico

Un 75enne sprint, attivo da 55 anni nel mondo del volontariato

Nato a Milano il 6 luglio 1943, dopo aver vissuto 44 anni a Seveso, da 31 è stato «adottato» da Meda, dove è conosciuto e apprezzato anche per aver prestato servizio, dal 1975 fino all’età pensionabile, nell’Avis, come soccorritore e dipendente. Ma è stato anche donatore, raggiungendo il traguardo dei 75 prelievi. E anche grazie al suo contributo è nato a Meda il Gruppo comunale dell’Aido: «Prima ero iscritto a Seveso, poi lo abbiamo creato anche a Meda». In quasi 75 anni di vita, ben 55 li ha messi al servizio della comunità, dedicandosi al volontariato, in diverse realtà. E anche con la raccolta di poesie dedicata alla nipote il pensiero è sempre rivolto agli altri: il ricavato dalla vendita dei libri sarà infatti destinato all’Aido. Non resta quindi che partecipare all’evento di sabato, per incontrare e ascoltare una persona così speciale.