Nuove regole per le aree cani monzesi. E’ stato approvato dalla Giunta comunale il documento che disciplina l’utilizzo delle aree verdi riservate ai cani in città.

Nuove regole

Il documento che disciplina l’utilizzo delle aree verdi dedicate ai cani è stato approvato dalla Giunta comunale. E oggi, giovedì 17 maggio, è stato presentato alla cittadinanza dagli assessori Martina Sassoli e Andrea Arbizzoni, insieme al primo cittadino Dario Allevi. Sono otto i punti del regolamento nato dal confronto tra gli assessorati di riferimento e collaborazione con i componenti del Tavolo Diritti degli Animali.

I punti

In particolare è compito dei proprietari verificare che i cancelli siano chiusi correttamente sia in entrata che in uscita. E’ necessario portarsi il guinzaglio, la museruola e l’attrezzatura per raccogliere le deiezioni. I cani che accedono alle aree pubbliche devono essere identificati con microchip e registrati all’anagrafe regionale canina. Infine cuccioli di età inferiore a tre mesi, femmine in calore, cani malati o convalescenti e aggressivi possono accedere all’area solo in assenza di altri cani. Il tempo massimo di permanenza consentito se altri cani incompatibili è fissato in 20 minuti.

Leggi anche:  Margherita nuova ospite al canile di Monza

Obblighi e diritti

I cani che accedono all’area devono essere in regola con le profilassi vaccinali contro le malattie infettive e trattati contro i parassiti. E’ sconsigliato, inoltre, l’ingresso ai minorenni. E’ compito di ogni proprietario o conduttore adoperarsi per favorire la socializzazione tra i cani, evitando con cura ogni comportamento che possa scatenare aggressività o competizione.

Patto di collaborazione

Oggi è stato siglato inoltre nuovo patto di collaborazione tra il Comune e un gruppo di cittadini per la realizzazione del progetto “Monza a 4 zampe-sgambatura cani”: per l’area cani di via Adigrat, in particolare, il gruppo si impegna a mantenere pulita e controllata l’area e segnalare all’Amministrazione eventuali danneggiamenti o utilizzi impropri, per creare un modello di gestione condivisa riproducibile anche in altre aree cani cittadine.