Presentato questa mattina il progetto di riqualificazione del presidio ospedaliero di Desio. L’investimento supera i 7 milioni e mezzo di euro e riguarderà anche il Pronto Soccorso.

Oltre sette milioni di euro per il Pronto Soccorso di Desio

È stato presentato questa mattina il progetto di riqualificazione del presidio ospedaliero di Desio. Tre passaggi, “Desio 1”, “Desio 2” e “Desio 3” che si inseriscono nell’ottica della sicurezza, del potenziamento, di un migliore utilizzo degli spazi per un investimento che supera i 7 milioni e mezzo di euro.

Il dettagli dei lavori

Nello specifico, il finanziamento dell’opera “Desio 1” è di 3 milioni di euro e comprende:
• scale di emergenza corpi A – C dal piano 1 Seminterrato all’8° piano
• un nuovo anello dei gas medicinali
• un nuovo anello antincendio.

Passando al finanziamento dell’opera “Desio 2”, che è di 2.504.000 euro, i fiondi serviranno per:
• scala di emergenza corpo B dal piano 1 S. al 7° piano
• scala di emergenza corpo D dal piano 1 S. al 2° piano
• compartimentazione antincendio corpo centrale C/C (scala centrale + atri ascensori e ingressi degenze)
• sostituzione di 7 impianti elevatori di cui 1 montacarichi, 4 ascensori dedicati ai visitatori, 2 ascensori per il personale.

Ampliamento del Pronto Soccorso

Il finanziamento dell’opera “Desio 3”, infine, è di 2 milioni di euro.

I lavori prevedono l’ampliamento del Pronto Soccorso dagli attuali 800 mq ai 1150 mq di progetto. L’ampliamento previsto sfrutterà gli spazi del corpo “B” dove sarà previsto un Pronto Soccorso Pediatrico e una nuova Osservazione Breve Intensiva (O.B.I.). L’opera prevede una riqualificazione e una rifunzionalizzazione del servizio di Pronto Soccorso.
Il “nuovo” Pronto Soccorso Pediatrico prevede l’aggiunta di due ambulatori, un locale per l’osservazione, un locale per gli infermieri, una sala d’attesa dedicata e nuovi servizi igienici.

Per l’Osservazione Breve Intensiva invece sono previsti 10 posti di osservazione, tre in più rispetto allo stato attuale, gli studi del primario e della caposala, un locale per gli infermieri e nuovi servizi igienici.
I locali lasciati liberi dal Ps pediatrico e dall’O.B.I. verranno ristrutturati e riqualificati e troveranno spazio depositi, studio colloqui, una tisaneria, un locale per gli infermieri, il deposito farmaci, tecnico radiologo, ecografo e nuova sala gessi.

Leggi anche:  "Troppo spesso i mezzi pesanti s'incastrano sotto il ponte della stazione", va trovata una soluzione

Interventi anche al piano terra

Ulteriori modifiche sono previste anche per il piano terra del Pronto Soccorso con una nuova sala d’attesa e nuovi locali per il Triage oltre alle modifiche alla Camera Calda, il locale collegato al Pronto Soccorso-Medicina d’urgenza, in cui arrivano i mezzi di soccorso e attraverso la quale gli operatori del 118 conducono il paziente nel Pronto Soccorso stesso. Il progetto prevede l’ottimizzazione degli impianti di illuminazione e riscaldamento della Camera Calda, la ristrutturazione del pavimento e la sostituzione dei portoni, l’introduzione di una nuova area Codici Gialli Post-Triage, deambulanti e barellati.

Cantiere al via

Al momento sono già in corso le opere di cantierizzazione generale dei vari progetti. Per quanto riguarda “Desio 1” i lavori partiranno entro la fine di gennaio 2019.
“Regione Lombardia ha finanziato opere di edilizia sanitaria molto consistenti sul presidio di Desio – sottolinea il Direttore Generale della ASST di Monza Matteo Stocco – nell’ottica della sicurezza e del miglioramento dei percorsi di accesso per i pazienti per quanto riguarda il Pronto Soccorso a cui ogni anno accedono 65mila persone”.

“Crediamo fortemente nel potenziamento delle nostre strutture ospedaliere perché i cittadini meritano luoghi sicuri, efficienti e anche accoglienti quando giungono in un Pronto Soccorso. La ristrutturazione e l’allargamento del Pronto Soccorso di Desio va incontro alle esigenze degli utenti e del personale sanitario. Come Regione non possiamo che soddisfare concretamente le richieste per il bene della nostra comunità”, aggiunge il Vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala.