Un “compleanno” speciale per il parco inclusivo Liberi Tutti di Lissone. Ieri, sabato, tanti i grandi e i piccini che hanno affollato il giardino di largo degli Alpini tra divertimento, musica e tanto buon cibo.

Il parco Liberi tutti compie sei anni

A organizzare la grande festa per i primi sei anni dell’area giochi inclusiva ci hanno pensato i volontari dell’associazione “Amici di Lollo Onlus“. Sei anni fa, insieme a tante altre realtà lissonesi, il sodalizio ha fortemente voluto la realizzazione di questo piccolo angolo dedicato anche ai bimbi che non possono frequentare le altre aree gioco della città.

A fare gli “onori di casa” ci hanno pensato gli Alpini di Lissone che, proprio nel parco a loro dedicato, hanno il monumento eretto in memoria dei loro caduti e che hanno curato il servizio cucina per tutti i partecipanti. La serata è stata scandita da corsi di pizza, cucina, pasticceria, giochi per i più piccoli e spettacoli di magia.

Alla grande festa hanno partecipato anche il sindaco Concetta Monguzzi, l’assessore ai Servizi sociali Anna Maria Mariani e molti tra consiglieri comunali e “amici” delle altre associazioni della città.

Leggi anche:  Livigno, capitale sportiva e green alle Olimpiadi

Cos’è un parco inclusivo?

Un “parco inclusivo” è un un luogo in cui bambini abili e diversamente abili possono giocare insieme, grazie a giochi e spazi appositamente pensati per entrambi. Il progetto è nato da un’idea degli “Amici di Lollo”, idea che è stata sposata in pieno dal Comune e da tanti altri sodalizi e associazioni del territorio.

A partire dal dicembre 2012, gli “Amici di Lollo” (ma non solo loro) hanno promosso numerose iniziative con lo scopo di promuovere il progetto e di raccogliere fondi da utilizzare per l’acquisto dei giochi che sono stati posizionati all’interno dell’area verde di largo degli Alpini. Il sogno è diventato realtà nel settembre 2013.

© RIPRODUZIONE RISERVATA