Il Comune di Vimercate ha reso noto il progetto vincitore per la riqualificazione della Piscina di Vimercate ormai chiusa da diversi mesi.

Il progetto selezionato dall’Amministrazione

L’Amministrazione comunale di Vimercate, con delibera del 28 dicembre 2018, ha scelto in via preliminare la proposta di Lombardia Nuoto (società sportiva dilettantistica a responsabilità limitata), che risponde maggiormente ai requisiti fondamentali posti dalla giunta Cinque stelle per sistemare il centro natatorio. Il progetto, scelto fra altri 6 illustrati nelle scorse settimane, deve rispettare principalmente la celerità dei tempi, la minima esposizione economica da parte del Comune, la sostenibilità ambientale e l’ottimizzazione dell’uso dell’impianto, con armonizzazione tra utenza agonistica e ludica.

Si tratta della scelta in via preliminare a cui dovranno seguire ulteriori verifiche tecniche da parte dell’operatore prima di formalizzare il via libera. In caso di esito positivo di questa fase, Lombardia Nuoto avrà l’incarico di
produrre, in qualità di soggetto promotore, un progetto di riqualificazione e gestione dell’impianto natatorio di
via degli Atleti. Tecnicamente si tratta di un percorso di Partenariato pubblico privato: il progetto realizzato sarà successivamente oggetto di un bando di riqualificazione e gestione dell’impianto, al quale potranno partecipare tutti gli operatori interessati, compreso il soggetto promotore.

A costo zero per il Comune

Come anticipato già negli incontri precedenti, dove l’Amministrazione ha presentato i sette progetti proposti e discusso coi cittadini delle loro peculiarità, questa fase preliminare per il Comune sarà a costo zero. Le spese per la progettazione saranno a carico del soggetto vincitore: nel caso Lombardia nuoto non vincesse il bando, l’operatore vincitore pagherà i costi del progetto a Lombardia nuoto, come deciso dal Comune.

Leggi anche:  Vimercate: Alessandro è prete a 47 anni

I tempi per il progetto e le successive fasi

Ci vorrano dai 30 ai 45 giorni per gli approfondimenti necessari a Lombardia Nuoto per poter riconfermare la proposta presentata in risposta all’Avviso Pubblico. Dopo di chè Lombardia nuoto avrà a disposizione circa 160 giorni per la redazione, consegna della proposta progettuale e per le eventuali richieste di integrazione e modifica da parte del Comune. Dopo ci saranno circa 200 giorni per la fase di gara e circa altri 100 giorni per la redazione del progetto esecutivo, sua verifica, validazione e approvazione. Infine sono state ipotizzati circa 220 giorni per la realizzazione e il collaudo dell’opera seguito dall’inizio attività.

«Stiamo procedendo sul percorso che abbiamo avviato con coraggio e che porterà l’impianto del centro natatorio a una piena e definitiva funzionalità in tempi ragionevoli, dopo che per vent’anni ha accolto gli utenti senza che nessuno si preoccupasse delle necessarie verifiche di sicurezza – ha affermato il sindaco Francesco Sartini – Sappiamo che ci saranno disagi da sopportare e lavoreremo con impegno perché siano limitati nel tempo e soprattutto ripagati da un risultato all’altezza della nostro città. Per questo cercheremo il confronto con gli utenti nello sviluppo dei dettagli del progetto del futuro centro natatorio, al cui disegno è chiamata Lombardia Nuoto».