Piscina scoperta chiusa dal 2015 verso la riapertura: ecco come sarà. Presentato il progetto di riqualificazione da parte del privato. Il 21 maggio il passaggio in Consiglio comunale.

Piscina scoperta verso la riapertura

L’Amministrazione comunale di Sesto San Giovanni guidata dal sindaco Roberto Di Stefano ha dato l’ok al progetto di fattibilità per la riqualificazione e riapertura della piscina Carmen Longo di via Bixio. Il lido estivo era stato messo fuori servizio nel 2015 dalla passata Amministrazione, a causa dell’aggravarsi delle condizioni di degrado. Ora si intravede la luce in fondo al tunnel per la piscina: la sua riqualificazione avverrà tramite lo strumento del project financing, grazie a fondi privati.

Il progetto di riqualificazione

Il progetto avanzato dal costituendo raggruppamento di società AD MAIORA Srl intende “rigenerare l’attività natatoria estiva in un sistema vitale di aggregazione pubblica che viva tutto l’anno, restituendo alla città uno spazio collettivo di carattere ludico del tutto nuovo per l’area. Il progetto prevede la riqualificazione completa dell’area piscina esterna e dei corpi di fabbrica di servizio, con l’integrazione di attività nuove quali spazi multifunzionali sportivi, aree verdi, ristorazione, bar”. Queste le linee guida del progetto che ha ottenuto il via libera dall’Amministrazione.

Cosa sarà fatto: “Nascerà una cittadella dello sport”

Il project presentato prevede la demolizione degli edifici esistenti e la realizzazione di un nuovo complesso in grado di recepire i bisogni della collettività con particolare attenzione a bambini e famiglie. “L’intervento – hanno aggiunto dal Comune – favorisce il completamento e il potenziamento funzionale dell’intera area a vocazione sportiva, già consolidata sul territorio comunale comprendente le aree dello stadio e dei campi sportivi Breda, del Tennis Club Sesto e, in prospettiva, del campo sportivo Dordoni, confermando l’intenzione del Comune di portare avanti una ‘Cittadella dello Sport’”.

Il passaggio in Consiglio comunale

La proposta di project financing sarà valutata dal Consiglio comunale nella seduta del 21 maggio, per la dichiarazione di interesse pubblico e l’inserimento del progetto di fattibilità negli strumenti della programmazione economico-finanziaria dell’Ente. “La piscina Carmen Longo ha per anni rappresentato un punto di riferimento per la comunità di Sesto San Giovanni – hanno aggiunto da piazza della Resistenza – Restituire questi spazi, consentendo la fruizione di servizi di un ‘villaggio turistico’ ai cittadini, è una priorità che si concretizza anche con una importante scontistica sui ticket di ingresso oltre alla valorizzazione di un’intera zona con importanti ripercussioni in termini di coinvolgimento sociale”.

Leggi anche:  Abusi sessuali sulla nipotina: "Se parli lo faccio anche a tua sorella"

Il cronoprogramma

In caso di approvazione del Consiglio comunale partirà il bando di gara che porterà infine all’effettiva cantierizzazione. L’apertura, secondo le indicazioni del progetto, è prevista per la primavera-estate del 2021.

“Rispettato un nostro impegno”

“La riqualificazione della Carmen Longo – ha commentato Roberto Di Stefano – era un punto fondamentale del nostro programma elettorale e un impegno prioritario di questa Amministrazione. Con serietà, impegno e responsabilità stiamo mantenendo anche questa promessa, con il supporto dei privati, con un grande progetto di riqualificazione e rinascita di un luogo nel cuore di tutti i sestesi. Il piano è particolarmente interessante ed è frutto di un lavoro importante, durato più di un anno. Ora diamo la parola al Consiglio comunale per procedere nell’iter per raggiungere lo scopo dell’apertura dei lavori, dopo anni di chiusura e abbandono della Carmen Longo. Ci mettiamo alle spalle la cattiva gestione da parte della precedente Amministrazione. Ci stiamo concentrando sulla ristrutturazione e riqualificazione di tutti gli impianti sportivi, come dimostra il recente progetto sulle piscine coperte. Ora siamo pronti al rilancio della Carmen Longo, in collaborazione con i privati, per restituire alla città una nuova area di svago, divertimento e socialità”.