Ponti Milano Meda: Infrastrutture Lombarde “Andavano chiusi entro agosto”. La Provincia di Monza e Brianza replica: “Allarmismi ingiustificati”.

Ponti Milano Meda: Infrastrutture Lombarde “Andavano chiusi entro agosto”

I ponti della Milano Meda ancora sotto l’occhio del ciclone. A sollevare nuovi campanelli d’allarme è stata una lettera scritta da Infrastrutture lombarde e recapitata a Regione Lombardia e alla Provincia di Monza e Brianza il 31 di agosto, relativa allo stato di quattro ponti dell’arteria che unisce Milano alla Brianza. Ponti che, secondo Infrastrutture Lombarde, dovevano essere chiusi al transito proprio entro l’ultimo giorno di agosto.

I cavalcavia monitorati

Si tratta dei cavalcavia 14 e 12 a Cesano Maderno, quello dello svincolo 26 a Bovisio Masciago. E infine il 10, sempre a Bovisio, che è stato chiuso nel 2016.

Ecco le foto dei ponti segnalati: 

La relazione del 2017

La comunicazione di Infrastrutture cita una relazione tecnica stilata nell’agosto 2017 secondo cui le condizioni dei ponti erano tali per cui i mezzi con un carico non superiore a 10 tonnellate avrebbero potuto “transitare per non più di 12 mesi”. Scaduto il termine, Infrastrutture sostiene, non avendo ricevuto ulteriori elementi sulla sicurezza dei ponti, si debba procedere con la loro chiusura.

LEGGI ANCHE: Ecco la mappa e le foto dei ponti che fanno paura in Lombardia

La Provincia: “Allarmismi ingiustificati”

Ma la Provincia di Monza e Brianza spegne subito gli allarmismi. “Dai dati in nostro possesso – spiega il presidente Roberto Invernizzi – non c’è alcun motivo per chiudere i ponti”.

Gli ultimi rilievi, messi nero su bianco in una relazione del 29 agosto in base alle verifiche effettuate da Akron, dicono infatti che non è stato rilevato alcun deterioramento tale da giustificare ulteriori limitazioni rispetto a quelle già introdotte – ribadisce la Provincia.

Leggi anche:  Ladri al cimitero di Arcore rubato un decespugliatore

Ulteriori verifiche nei prossimi giorni

Inoltre nei prossimi giorni partiranno ulteriori verifiche con prove di carico. “Solo in base alle risultanze di questi accertamenti – conclude Invernizzi – verrà deciso se confermare o meno le limitazioni al transito o decidere ulteriori provvedimenti. Se ci fossero dubbi sulla sicurezza non si esiterà a chiudere i ponti”.

Oggi incontro tra Fontana e Invernizzi

Intanto nel pomeriggio è stato fissato un incontro tra il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e il Presidente della Provincia MB Roberto Invernizzi.

Lo stesso Fontana a poche ore dall’incontro ha voluto rimarcare che non c’è “Nessuna polemica, ma massima collaborazione con la Provincia di Monza e Brianza. Al momento abbiamo visto una perizia che diceva che non c’era nessuna situazione di pericolo, approfondiremo se si e’ modificato qualcosa da quell’analisi”.

“Oggi ci incontreremo ancora con il presidente della Provincia di Monza e Brianza, Roberto Invernizzi, per fare il punto della situazione e mettere a sua disposizione tutto ciò che ritiene necessario”.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULLA SICUREZZA DEI PONTI IN BRIANZA E IN LOMBARDIA: 

Ponti lombardi a rischio crollo: il check up delle Province FOTO e VIDEO

Milano Meda: “Quei 4 ponti vanno chiusi al traffico pesante”

Lavori sui ponti: “Non vogliamo un’altra Genova”

Dopo Genova: la Lega propone di fare il “tagliando ai ponti”