“Prendiamoci cura del nostro territorio” il monito del sindaco di Biassono, Luciano Casiraghi, nella giornata del Verde Pulito.

Facciamo appello al nostro senso civico

“Oggi Biassono ha detto presente alla proposta promossa da Regione Lombardia ovvero la Giornata del Verde Pulito: verde è bello, pulito lo è ancor di più – spiega il borgomastro – Questa iniziativa riveste ormai da vari anni un ruolo significativo a livello di sensibilizzazione, di informazione ai cittadini sulle questioni ambientali, che di realizzazione di azioni concrete di pulizia e sistemazione di aree a verde nei Comuni che aderiscono all’iniziativa.

Un evento di chiara impronta ambientale. In questi ultimi anni si parla molto a difesa di questo argomento. Una delle nostre principali risorse è l’ambiente che ci circonda, ma alcuni sembrano non interessati al valore di questa risorsa: chi non rispetta questa ricchezza, impoverisce tutti. Abbandonare i rifiuti è un atto spregevole. Gettare cartacce, bottiglie o lattine per terra è uno sfregio alla civiltà e rende vano il lavoro di chi si impegna quotidianamente per mantenere il decoro urbano.

Per fortuna ci sono persone che, in totale silenzio, oggi si sono armate di sacchetto, guanti e restrello hanno curato zone del territorio, difendendole dall’aggressione dell’inciviltà. A queste persone dico grazie, alle associazioni e in primis i ragazzi del Consiglio comunale dei Ragazzi del plesso scolastico Pietro Verri in una operazione condivisa e straordinaria di pulizia del territorio comunale raccogliendo rifiuti e pulendo le piazze di Biassono, Largo Pontida, Giardini Padani, Giardini Fornace, Giardini di Padre Pio, Piazza Don Umberto Ghioni e ripulendo dai mozziconi di sigarette le fermate degli autobus. Si è ripulitoanche il sentiero che si trova al confine con Lissone, il parcheggio della stazione ferroviaria e altro ancora. Chi sporca dovrebbe invece vergognarsi: non ha rispetto per la sua famiglia e per i suoi concittadini.

Leggi anche:  Paura a Lesmo, i vigili catturano una biscia d'acqua dolce

Abbiamo il dovere di far rispettare ciò che ci appartiene, senza aver timore di farlo notare a chi non lo fa. Il costoso lavoro di pulizia e manutenzione del Comune può anche non essere esauriente, ma sicuramente non lo sarà mai senza l’aiuto dei cittadini nella lotta contro l’inciviltà. Dobbiamo fare appello al nostro senso civico, prenderci cura del nostro territorio, anche attraverso eventi come la Giornata del verde Pulito.

I volontari sono stati suddivisi in gruppi e alle 9 sono iniziate le pulizie nelle varie zone stabilite per concludersi alle 11.30 con un mini spuntino a base di pane e salame nostrano e buon vino.
L’evento ecologista è stato promosso dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con Gelsia Ambiente che ha fornito tutto il materiale necessario per la pulizia, Ferruntensil RCR che ha fornito 130 paia di guanti, la partecipazione della Protezione Civile, Associazione Fiera San Martino, Lega Ambiente, il Gruppo Alpini di cui sono orgoglioso di farne parte, Associazione Carabinieri Associazione Villa Monguzzi, l’Associazione Pescatori e il Ccr del plesso scolastico Pietro Verri coordinato dalle professoresse Arosio e Porro a cui va il mio sentito ringraziamento” ha concluso il sindaco Casiraghi.

Il servizio anche sul Giornale di Carate in edicola martedì 16 aprile 2019.