Procedure rimborsi tariffa integrata: Terzi e Trenord incontrano i pendolari. L’incontro ieri a Palazzo Lombardia.

Procedure rimborsi tariffa integrata

Si è tenuto ieri a Palazzo Lombardia un incontro tra l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, i vertici di Trenord e i pendolari per discutere sulle procedure di rimborso dopo l’avvio dell’integrazione tariffaria.

“Il confronto con i rappresentanti dei viaggiatori e le associazioni dei consumatori è stato costruttivo – ha sottolineato l’assessore Terzi. I comitati dei pendolari condividono la logica che sta alla base dell’integrazione tariffaria. Concordano sul fatto che la fuga in avanti dell’Agenzia Tpl di Milano abbia generato storture al sistema e disagi, cui oggi la Regione sta concretamente cercando di porre rimedio. Anzitutto rimborsando integralmente i pendolari monomodali storici, i quali riceveranno un bonifico sul loro conto corrente che copre la differenza tra il costo del vecchio abbonamento treno e il costo dell’abbonamento integrato”.

LEGGI ANCHE: Nuovi abbonamenti Trenord: tutto quello che c’è da sapere

Rimborsi più semplici

“Abbiamo condiviso con i pendolari alcune modifiche nell’ottica della semplificazione – ha aggiunto -. In questo senso Trenord ha dato la disponibilità a intervenire a stretto giro per superare i passaggi evidenziati come critici”.

Leggi anche:  Luminarie a Monza, si accendono le polemiche

“Mantenere i titoli di viaggio solo per il treno avrebbe significato applicare un rincaro del 10 per cento l’anno su tutto il territorio regionale e non solo sul territorio sul quale si sta realizzando la prima parte dell’integrazione – ha continuato l’assessore -. Questa
decisione è andata di pari passo con l’obbligatorietà imposta a Trenord di provvedere ad azzerare completamente il rincaro per i pendolari storici monomodali attraverso il sistema dei rimborsi”.

LEGGI ANCHE: Biglietto unico: ecco come chiedere il rimborso se si usa solo il treno

Il servizio è migliorato ma restano criticità

“Trenord ha anche presentato i dati dell’andamento del servizio ferroviario, che evidenziano un intervento positivo sulle soppressioni – ha concluso Terzi -. Ci sono stati miglioramenti in generale sulla puntualità, anche se ci sono linee in cui permangono criticità e sulle quali stiamo lavorando con interventi specifici”.

LEGGI ANCHE Pendolari infuriati: rincari, disservizi e nessuna risposta