Protezione civile Monza in Veneto, consegnate 44 tonnellate di pellet. Il materiale è stato raccolto dall’associazione “Cancro Primo Aiuto”.

Protezione civile Monza in Veneto, consegnate 44 tonnellate di pellet

Protezione civile Monza in Veneto

Nuova missione monzese in Veneto ieri, in visita alle comunità colpite dal grave maltempo dello scorso autunno. L’altro ieri, mercoledì 6 febbraio 2019, il distaccamento di Monza del gruppo comunale di Protezione civile, insieme all’assessore alla Sicurezza Federico Arena, si è recato ad Agordo, in Veneto, in occasione della consegna di due camion carichi di 44 tonnellate di pellet. Il materiale è stato raccolto dall’Associazione Cancro Primo Aiuto ed è destinato a quelle famiglie che si trovano in difficoltà a causa dell’ondata di maltempo dello scorso autunno.

Protezione civile Monza in Veneto, consegnate 44 tonnellate di pellet

Il sopralluogo della Protezione civile

La Protezione Civile di Monza ha colto l’occasione per effettuare un sopralluogo nelle zone sensibili della regione. “Vorrei esprimere un grande grazie, per il tramite del comune di Monza a tutte quelle associazioni lombarde con in testa “Cancro Primo Aiuto” che si sono fatte promotrici di questa bellissima iniziativa – ha dichiarato l’assessore regionale alla Protezione civile Gianpaolo Bottacin – Distribuiremo immediatamente il materiale che c’è stato offerto oltre che in Agordino anche in Cadore, Comelico e Val di Zoldo. Un ulteriore carico è già in viaggio per il vicentino”. Il Presidio di Monza e Brianza, insieme a Confindustria Lecco-Sondrio e a Confimi Monza e Brianza, si farà carico della raccolta del materiale edile necessario per la ricostruzione di abitazioni, mobili e aziende.

La soddisfazione dell’assessore Arena

“La consegna effettuata testimonia la grande solidarietà verso questa Regione – ha spiegato l’assessore Federico Arena – Il gesto è stato possibile grazie alla generosità della comunità monzese e brianzola e al fondamentale lavoro della Onlus Cancro Primo Aiuto. Fin da novembre il servizio comunale di Protezione Civile si era attivato per i primi soccorsi alle comunità colpite e nei prossimi mesi intendiamo sostenere i nuovi progetti di raccolta e consegna di altri materiali utili alla ricostruzione”. Per l’individuazione dei comuni riceventi, è stato individuato il criterio dell’altitudine superiore ai 1000 m e della popolazione inferiore ai 5000 abitanti.

Leggi anche:  Espulsa dall'Italia, rientra per la seconda volta illegalmente per prostituirsi

I partner dell’iniziativa solidale

Hanno risposto all’appello di Cancro Primo Aiuto Confindustria Lecco-Sondrio, il Presidio di Monza e Brianza di Assolombarda e Confimi Monza e Brianza per la raccolta di materiale edile per la ricostruzione soprattutto di abitazioni e aziende e di mobili di arredamento per sostituire quelli distrutti. Il tutto verrà poi stoccato in una località stabilita e poi distribuito. Tra gli imprenditori che hanno già confermato la loro adesione: Caloni Trasporti, che si è fatto carico della parte logistica del progetto, dal trasporto alla messa a disposizione di un magazzino. For Hotel Complements, che ha già fatto arrivare diversi bancali di piatti, bicchieri e posate, Bi.Ma, fornitore dei camion di pellet, uno dei quali fornito dalla catena di centri commerciali Iperal, l’azienda Tagliabue Spa, Essedicer, Flexform Spa, Sedie Brianza Srl, Ipea e DAI – Distribuzione Automatica Italiana, che ha fornito una decina di macchine per il caffè.