Quando a donare il sangue è un gatto. Una storia con un finale dolce-amaro raccontata dai volontari del Gattile di Monza. 

Quando a donare il sangue è un gatto

La storia di due trovatelli. Hero, simpatico micio tigrato rosso, recuperato a settembre in un orto e ospite del Gattile di Monza. E Mitty, giovane micia bianca e tigrata trovata presso un supermercato che vive da maggio 2018 con la sua nuova famiglia a Villasanta.

Per una micia molto malata

Affetta da immunodeficienza felina (FIV), Mitty è da sempre fragile di salute, ma a settembre di quest’anno le sue condizioni peggiorano e viene ricoverata in una clinica di Monza. Dopo diverse cure, i veterinari consigliano una trasfusione di sangue, impresa non facile poiché Mitty ha il poco comune gruppo sanguigno B e tra i gatti non esistono “donatori universali” come per gli umani.

Uno scatto di Mitty

Il donatore

La proprietaria di Mitty, Tiziana, decide allora di contattare l’ENPA di Monza, dove aveva adottato
uno dei suoi cani. Le responsabili del Gattile individuano due possibili candidati, giovani e sani; il primo a essere testato è Hero, che risulta essere FIV/FeLV negativo, avere lo stesso gruppo sanguino di Mitty ed essere quindi adatto alla trasfusione, che viene eseguita senza indugio.
Per alcuni giorni la micia migliora, ma poi le sue condizioni si aggravano e, il 27 settembre, si addormenta per sempre.
Sembrerebbe un finale tristissimo, ma …

La famiglia adotta Hero

Addolorati per la perdita dell’adorata Mitty e, per un triste caso del destino, anche per la morte della loro cagnona quindicenne Ada avvenuta il giorno precedente, Tiziana, il marito Valerio e il figlio Alberto decidono di adottare un nuovo gatto al Gattile di Monza. E la loro scelta cade proprio su Hero, il micio “eroe” che aveva donato il suo sangue nel tentativo di aiutare la loro sfortunata micia.

Leggi anche:  Pet Day 2019: il 23 novembre partecipa anche tu

Ribattezzato “Nello Rossini”, il gattone si è ambientato perfettamente nella sua nuova casa dove ha a disposizione anche uno splendido giardino, con alberi su cui arrampicarsi e angoli da esplorare. Con il suo carattere aperto, curioso e socievole, si è fatto subito benvolere da tutti e va d’amore e d’accordo anche con i due cagnolini di casa con i quali mangia, dorme e gioca!

Musette era stata adottata alcuni anni fa al Canile di Monza dopo essere stata ritirata dal Nucleo Antimaltrattamento dell’ENPA, mentre Honey arriva dall’Abruzzo.

Tiziana è veterinaria zooantropologa e con i due cani pratica pet therapy in alcune case di riposo e ospedali con pazienti affetti da varie patologie, e persino negli aeroporti di Malpensa e Linate per i passeggeri in partenza.
Un finale dolce-amaro, perché la famiglia di Tiziana non si è chiusa nel suo dolore – sottolineano i volontari Enpa – anzi si è aperta ad accogliere un nuovo ospite nella sua casa dimostrando una grandissima sensibilità e, perché no, anche riconoscenza verso il micio eroe!