L’associazione Gaetano Osculati di Biassono regala libri alla biblioteca della Bielorussia in occasione di San Valentino.

Regala libri alla biblioteca della Bielorussia

Un gesto d’amore non solo per la coppia, ma verso un intero popolo. L’associazione culturale Gaetano Osculati, in collaborazione con la libreria Virginia e Co. di Monza e l’Istituto per l’Oriente e l’Occidente di Milano, ha onorato il 14 febbraio donando libri a una delle più avanguardistiche biblioteche del mondo: la biblioteca nazionale della Bielorussia. Alberto Caspani, socio fondatore, ha consegnato a Minsk una copia della recente riedizione delle memorie dell’esploratore brianzolo Gaetano Osculati (“Viaggio in Amazzonia”, Luni Editrice 2018) e del libro fotografico “Street Life Milano” di Diego Bardone, lanciando un nuovo ponte di scambio fra Italia e Bielorussia.

Un ponte fra Italia e Bielorussia

Si tratta della prima donazione ufficiale compiuta da un sodalizio culturale italiano, che unisce appunto un’associazione, una libreria e un istituto di ricerca, sulla scia delle celebrazioni per i 25 anni dall’avvio delle relazioni diplomatiche fra i due Paesi, svoltesi nel 2017. I libri sono stati consegnati a Ksenia Kreida, responsabile del dipartimento delle relazioni internazionali della “Natsianalnaja bibliateka belarusi”, affinché possano impreziosire la sezione dei testi in lingua italiana. Da anni il complesso di Minsk ha attivato un programma di espansione dell’archivio librario bielorusso, andato quasi completamente distrutto nella Seconda Guerra Mondiale, accogliendo donazioni internazionali di testi antichi e contemporanei.

Leggi anche:  Aspettando Pasqua in biblioteca

La biblioteca di Minsk

Nella biblioteca di Minsk sono oggi conservati più di 82mila rare edizioni stampate fra il 14° e il 21° secolo, per un totale di quasi 10 milioni di testi in ben 80 lingue diverse. La nuova sede della biblioteca nazionale è stata inaugurata nel 2006 e rappresenta uno dei massimi esempi al mondo di architettura ecosostenibile: l’archivio, a forma di diamante, poggia su una base di tre piani concentrici, per una superficie complessiva di 113.669 metri quadrati, dal peso di 140mila tonnellate (circa 1/4 del territorio del Vaticano e 14 volte il peso della Torre Eiffel). Oltre ai tradizionali servizi bibliotecari, la struttura è un polo aggregativo di divulgazione culturale, ospita servizi per bambini, musei, café ed è dotato del miglior punto panoramico per l’osservazione della capitale bielorussa (https://www.nlb.by).

Il servizio anche sul Giornale di Carate in edicola da martedì 19 febbraio 2019.