Seregno, proteste dei residenti per il parcheggio selvaggio.

Parcheggio selvaggio in via Pacini, residenti arrabbiati

Residenti arrabbiati e proteste nella zona fra Sant’Ambrogio e San Carlo a Seregno. Colpa del parcheggio selvaggio sotto casa, in via Pacini. Le strisce che delimitano gli stalli di sosta sono ormai sparite e gli automobilisti parcheggiano le vetture senza cura. Qualcuno lascia persino il veicolo di traverso, occupando due spazi e riducendo gli stalli a disposizione per parcheggiare.

Inutili le richieste di intervento al Comune

Stufi del parcheggio selvaggio i residenti della zona di via Pacini si sono già rivolti più volte al Comune ma, finora, senza successo.  Chiedono di rifare la segnaletica orizzontale per mettere ordine e creare più posti auto. “Spesso sono costretta a parcheggiare a un chilometro da casa, poi mi affaccio alla finestra e vedo le macchine parcheggiate di traverso. E’ una grande perdita di tempo – dice una abitante – Ma dal Comune ci rispondono sempre che non hanno soldi…”.

Leggi anche:  Giacomo ha scommesso sulle nocciole

Nelle vicinanze anche scuola e mercatino

Il problema del parcheggio selvaggio in via Pacini è aggravato dalla presenza nelle vicinanze della scuola “Rodari”, con una grande affluenza di auto all’ingresso e all’uscita degli studenti della primaria e della scuola materna. C’è anche un mercatino dell’usato con un notevole via vai di clienti che ingolfa il parcheggio. “Fino a quando dovremo aspettare le strisce rifatte e un parcheggio decente?” sbuffano i residenti della zona.