Rischio colera per cozze contaminate ritirate dal mercato: sono state raccolte nel Golfo di Oristano. Non consumatele!

LEGGI ANCHE  Vibrione patogeno nelle cozze: le precisazioni dell’azienda produttrice

Rischio colera per cozze

Cozze richiamate dal Ministero della Salute per contaminazione del patogeno Vibrio Cholerae o vibrione del colera. Le cozze oggetto del provvedimento sono del tipo Mitilo Nieddittas di provenienza ad Arborea e sono state raccolte nel Golfo di Oristano.

Il lotto

Il prodotto contaminato ritirato dal mercato è stato commercializzato da CPA Arborea. Il lotto di produzione delle cozze Nieddittas ritirate dal mercato è il numero NS-183778-17 e reca la data 11 novembre 2018. Le cozze sono state vendute in confezioni in rete da 1 kg con data di scadenza 17 novembre 2018.

Vibrio cholerae

Il colera è una tossinfezione dell’intestino tenue da parte di alcuni ceppi del batterio gram-negativo, a forma di virgola, Vibrio cholerae o vibrione. La condizione può presentarsi senza alcun sintomo, in forma lieve o grave. Il sintomo classico è la diarrea profusa, spesso complicata con acidosi, ipokaliemia, crampi muscolari e vomito, che dura un paio di giorni. La diarrea può essere così grave che può portare in poche ore ad una grave disidratazione e squilibrio elettrolitico. Questo può comportare occhi infossati, pelle fredda, diminuita elasticità della cute e rughe delle mani e dei piedi. La disidratazione può causare cianosi, un colore bluastro della pelle. I sintomi iniziano da due ore a cinque giorni dopo l’esposizione.

Leggi anche:  Giussano, l'associazione Arca onlus festeggia 30 anni di attività

Già ad ottobre c’era stato il ritiro di un lotto di cozze dal mercato per lo stesso motivo (LEGGI QUI). Altro allarme invece a settembre per la contaminazione da Escherichia Coli (LEGGI QUI).