Risottata solidale per sconfiggere la Sla. L’evento organizzato da “I sollevatori alcolici”, gli scout e “Ti do una mano onlus” è in corso e proseguirà anche stasera in piazza Roma a Monza.

Risottata solidale per sconfiggere la Sla

Risottata solidale

Tutto è nato quasi per caso, una decina di anni fa, quando un gruppo di amici di Julius Neumann, ingegnere biomedico monzese immobile a causa della Sla, si diede appuntamento a casa sua per fargli sentire l’affetto, per aiutarlo ad affrontare la malattia. Ma non solo. In quell’occasione “Gli amici di Julius” anche noti come “I sollevatori alcolici” iniziarono a sensibilizzare le persone sulla Sla. E da quell’anno tanto è stato fatto, anche in città, per tenere accesi i riflettori sul tema. Da quattro anni, infatti, si svolge in piazza Roma, ai piedi dell’Arengario, la risottata solidale, proprio per sostenere i progetti Slancio (eccellenza nella cura della Sla) e quest’anno anche a favore del Centro Clinico Nemo. L’evento, ancora in corso – e andrà avanti fino a stasera – gode del patrocinio del Comune di Monza e della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza.

Leggi anche:  Giussano, assemblea dei giovani padani e nomina del coordinatore provinciale

Risottata solidale per sconfiggere la Sla

Soddisfatti gli organizzatori

“Oggi è una giornata splendida – ha commentato Lele Duse dell’associazione “Ti do una mano onlus” – Non parlo solo del clima magnifico che sta accompagnando il nostro evento. Mi riferisco alla risposta della gente: i monzesi hanno un grande cuore. Sono stati tantissimi, per ora, i cittadini che si sono voluti gustare un risotto e un calice di vino, contribuendo alla buona causa. Prima delle 15 i cuochi avevano già preparato più di 1200 risotti. E dalle 18 in poi si potrà assaggiare anche un incredibile risotto alla camomilla”.

Risottata solidale per sconfiggere la Sla