Sabato la giornata di raccolta del farmaco. Presentata la 19esima edizione.

L’appuntamento

L’iniziativa promossa dal Banco Farmaceutico è stata presentata questa mattina in Regione. Saranno coinvolte 105 Province e oltre 4mila e 500 farmacie. In campo anche circa 20mila volontari. Sarà possibile acquistare uno o più medicinali da banco che saranno consegnati a oltre 1700 enti assistenziali convenzionati con la fondazione Banco Farmaceutico onlus.

In Lombardia

Per l’edizione di quest’anno, in Lombardia hanno aderito 1100 farmacie. I medicinali saranno consegnati a 400 enti assistenziali del territorio. Lo scorso anno la Lombardia si è confermata la regione in cui sono stati raccolti più farmaci: quasi 111mila confezioni. La nostra regione si contraddistingue anche per il numero di volontari: quasi 19mila.

I destinatari dell’iniziativa

Dai dati 2018, in Italia sono 539mila le persone povere e le famiglie povere hanno destinato alla salute solo il 2,54% della loro spesa, circa 117 euro l’anno. Da qui la necessità di sostenere queste persone anche attraverso la proposta di iniziative ad hoc come la Giornata di raccolta del farmaco.

La soddisfazione degli organizzatori

Soddisfatta il presidente di Federfarma Lombardia, Annarosa Racca: “Per noi questa giornata è ormai una giornata istituzionale e ne sono particolarmente soddisfatta perché a suo tempo ero stata tra gli ideatori e promotori di questa iniziativa. Non resta che sollecitare tutti per darci una mano anche quest’anno”. Soddisfatto anche il presidente di Banco Farmaceutico Milano, Giuliano Salvioni: “E’ un gesto semplice, utile, immediato, che tutti possono farlo ovunque e in qualsiasi momento acquistare un farmaco per qualcuno che ha bisogno”.

Leggi anche:  Ristoratore arrestato per truffa ed estorsione

La soddisfazione di Fontana e Gallera

Entusiasti dell’edizione 2019 dell’iniziativa anche il presidente della Regione, Attilio Fontana e dell’assessore al Welfare, Giulio Gallera. “La solidarietà fa parte dell’animo dei lombardi: solidarietà, altruismo e volontariato fanno parte del Dna di questa regione. Un grazie va ai farmacisti, ai volontari e all’associazione”. Sulla stessa linea d’onda Gallera che ha aggiunto: “Il banco e questa giornata rappresentano qualcosa di fondamentale. La povertà è un tema sempre al centro dell’attenzione e il cittadino che non si cura, ancora di più. Per questo, esserci, partecipare a questa iniziativa è ancora più importante: la fragilità sociale preoccupa, quella sanitaria ancora di più”.