I mondiali di Ironman vedranno per la seconda volta tra i protagonisti una besanese. Sabrina Schillaci, infatti, sarà sulla griglia di partenza i primi di settembre, in Sudafrica, accanto ai migliori del mondo della disciplina. Grazie all’ottimo piazzamento raggiunto domenica scorsa a Pescara, in occasione del mezzo Ironman.

Una besanese tra gli ironman

A Pescara Sabrina – architetto 49enne con casa a Vergo Zoccorino – si è classificata quinta nella sua categoria e ha conquistato così la slot per la qualifica all’Ironman 70.3 World Championship che si terrà a Port Elisabeth, in Sud Africa, i prossimi 1 e 2 settembre.

“Un piazzamento del genere non me lo sarei aspettato alla partenza”, ha ammesso Schillaci. Oggi tra gli atleti della WOMAN Triathlon Italia di Verona.

“Dieci giorni prima della gara hanno modificato il percorso in bicicletta, diventato tutto pianeggiante e più lontano dalle mie caratteristiche rispetto a quello originale…”.

Ma lei, avvezza ormai a superare tutti i limiti, è riuscita vincere le difficoltà. E a settembre respirerà per la seconda volta l’aria di un mondiale, dopo quello australiano del 2016.

Ma prima del Sudafrica, l’avventura a Santiago

Prima di prendere l’aereo per il Sudafrica, Sabrina Schillaci sarà protagonista di un’altra avventura. Si chiama “Race across limits”, corsa attraverso i limiti. Una pedalata da 2mila e 200 chilometri, da Besana a Santiago De Compostela, per raccogliere fondi a favore della fondazione C.O.ME Collaboration onlus. Quest’ultima si occupa di trattare osteopaticamente, in forma totalmente gratuita, neonati e bimbi disabili in Italia, Moldavia, Spagna, Sud Est Asiatico e Nord Africa. La partenza è fissata per il 14 luglio. Seguiranno diciotto giorni ed altrettante tappe da 85 a 140 chilometri, da affrontare con andatura cicloturistica.

Leggi anche:  A Busnago partono i lavori per la vasca di miscelazione

Accanto alla besanese, ci sarà il marito Davide Citterio, dal 2007 costretto su una sedia a rotelle ma sempre presente alle imprese della moglie.

L’intervista completa sul numero del Giornale di Carate in edicola martedì 19 giugno.