Oggi, lunedì 25 marzo, dalle 10 alle 14, è previsto uno sciopero degli aerei. I sindacati chiedono un contratto con salario nazionale minimo retribuito.

Sciopero degli aerei

I sindacati chiedono il contratto nazionale con salario minimo retributivo e normativo. È questo ciò che chiedono i partecipanti dello sciopero degli aerei che si terrà lunedì 25 marzo dalle ore 10 alle 14. Alitalia ha garantito un piano di partenza ai passeggeri che avevano prenotato il volo. I lavoratori di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo fermeranno anche loro per 4 ore, insieme dai piloti e assistenti di volo di Alitalia. Più lungo invece lo sciopero di Air Italy, la quale ha deciso di scioperare per ben 24 ore, garantendo dei piani di partenza dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 21.

Ecco cosa c’è da sapere

Alitalia cancellerà circa 95 voli, ma verranno garantiti a tutti i passeggeri coinvolti dei piani straordinari. Per chi rinuncerà al volo sarà applicato un rimborso spese, mentre gli altri passeggeri saranno riprotetti durante la giornata. Nei giorni scorsi, più precisamente il 22 marzo, era arrivata la firma con i sindacati con Alitalia. Nonostante ciò restano impregiudicati i motivi dello sciopero secondo i sindacati.

Leggi anche:  Brugora in festa, scoprite se siete stati fortunati

Le preoccupazioni dei sindacati

Le preoccupazioni dei sindacati sono rivolte soprattutto alle compagnie aeree cosiddette low cost. Queste ultime compagnie rendono sempre più anguste ed inaccettabili le condizioni dei lavoratori. Vengono anche sottolineate le situazioni occupazionali estremamente grave e complessa del paese. La richiesta dai tutelatori dei cittadini è quella di sostegno contro il dumping contrattuale, presente nel settore aereo, da parte del governo, con un contratto nazionale come già sopracitato.

I piani di Alitalia

Alitalia ad oggi ha già cancellato 97 voli sui 550 disponibili in giornata. Per non creare troppo disagio ai passeggeri la compagnia aerea italiana ha deciso di utilizzare aerei più grandi e con maggiori posti a sedere, e di riprenotare il volo in giornata per chi è rimasto a terra. L’invito è quello di controllare la disponibilità dei voli sul sito ufficiale di Alitalia.