Seveso, una chiesa di San Pietro Martire gremita ha voluto portare un ultimo saluto a Matteo Ronzoni, scomparso nella notte di sabato in un drammatico incidente stradale in via Vignazzola.

“Matteo, prega per la tua famiglia”

Familiari, amici, parenti, conoscenti. Tutta San Pietro e non solo si è stretta attorno alla famiglia Ronzoni per salutare Matteo, fabbro, motociclista e attivista dello storico comitato Dan DaranDan. “Non possiamo capire il dolore che provano i suoi familiari, ma siamo tutti uniti qui dall’amore che provavamo nei confronti di Matteo. Se siamo qui è per testimoniare la forza invincibile dell’amore e dell’amicizia nei confronti della morte – ha commentato durante l’omelia don Cesare Corbetta – Matteo resta un papà e un marito attento ai bisogni della sua famiglia. Sa di ciò che hanno bisogno i suoi cari, oggi ancora di più. Matteo, in questo momento in cui è difficile accettare la tua morte, prega per la tua famiglia: le tue figlie, tua moglie,  tua mamma e i tuoi fratelli”.

“Resterai sempre il mio eroe”

Commosso il ricordo della figlia maggiore, Martina: “Eri una persona speciale, buona, generosa, che non diceva mai no. Un gran lavoratore che non si riposava mai e che ci ha dato tutto. Non scorderò i nostri viaggi, che avremmo potuto fare ancora. Lasciandoci ci hai fatto capire quanto avevamo bisogno di te. Amavi la tua moto, ti sentivi libero, come se avessi le ali. Ora le hai davvero e sei diventato l’angelo custode di tutti noi. Resterai sempre il mio eroe”. All’uscita del feretro tanti amici motociclisti hanno deciso di accendere le proprie Harley, facendo rimbombare nell’aria il rumore dei motori, come ultimo omaggio a Matteo.

Leggi anche:  Nasce "Aurora in the Community": i progetti bluarancio fanno bene al territorio