Sì unanime della Camera all’uso dei defibrillatori in ambiente extraospedaliero. Soddisfatto l’onorevole leghista  Massimiliano Capitanio, primo firmatario della proposta di legge per reintrodurre l’educazione civica a scuola, dove verranno insegnate anche tecniche salvavita.

Sì unanime all’uso dei defibrillatori

Alla fine di luglio è arrivato il sì unanime della Camera dei deputati alla legge che disciplina l’utilizzo dei defibrillatori semiautomatici e automatici in ambiente extraospedaliero. Il provvedimento (relatore il forzista Giorgio Mulè), che passa ora all’esame del Senato, è diretto a favorire ed a regolare la dotazione e l’utilizzo dei defibrillatori in diversi luoghi e situazioni, anche da parte di soggetti non specificamente formati, regolando il collegamento e l’interazione con la rete dell’emergenza territoriale 118, e promuovendo campagne di informazione e sensibilizzazione, nonché l’introduzione di specifici insegnamenti, anche negli istituti di istruzione primaria e secondaria.

La soddisfazione di Capitanio

Massimiliano Capitanio, deputato della Lega

“Il testo unificato sull’uso dei defibrillatori automatici e semiautomatici in ambiente extraospedaliero è un provvedimento di civiltà. Contribuisce a diffondere un messaggio prezioso: a volte, per salvare una vita, bastano davvero pochi secondi. Sono felice che la cultura del Soccorso sarà parte integrante anche delle lezioni di educazione civica. Spero in proposito che già dal prossimo anno scolastico le tecniche salvavita possano diventare bagaglio culturale dei nostri giovani”.

Così l’onorevole brianzolo della Lega Massimiliano Capitanio che prosegue: “Esprimo inoltre soddisfazione per l’accoglimento del mio ordine del giorno che ha impegnato il governo a mettere in atto, coinvolgendo le organizzazioni di volontariato, una capillare azione di formazione certificata all’utilizzo dei defibrillatori. Ciò per garantire trasparenza, adeguatezza e omogeneità delle attività di formazione svolte nell’ambito dei corsi erogati sul territorio, valutando eventualmente anche l’opportunità di raccordare e aggiornare i criteri di certificazione e accreditamento previsti dalla normativa vigente”.

Leggi anche:  A Vimercate una nuova tecnica con onde d’urto nella cardiologia interventistica

Il deputato brianzolo della Lega, ricordiamo, è il primo firmatario della proposta di legge per reintrodurre l’educazione civica come materia obbligatoria nella scuola primaria e secondaria, già approvata dalle due Camere del Parlamento.

Soddisfatto anche il ministro Grillo

“Bene l’approvazione alla Camera della proposta di legge per l’installazione e l’utilizzo dei defibrillatori fuori dagli ospedali –  il commento del ministro della Salute Giulia Grillo pubblicato su Facebook – In questo senso al Ministero della Salute abbiamo stanziato 2,5 milioni per quest’anno e 2,25 milioni per i successivi con il fine di dotare le strutture pubbliche di defibrillatori. E presto con la Rai lanceremo una campagna di sensibilizzazione sul primo soccorso. Questa è una legge salva vita. È un passo in avanti – ha concluso il ministro della Salute – verso una vera cultura del soccorso”.

TORNA ALLA HOME