“A Madrid vediamo di abbattere il muro dei 10 secondi”. Filippo Tortu lo ha detto tra gli applausi della “sua” Carate. E’ successo ieri sera, in coda al faccia a faccia tra i candidati sindaco organizzato dal Giornale di Carate nella sala rossa della Bcc.

“E’ la prima volta che lo dichiaro pubblicamente…”, ha aggiunto.

Tortu esclusivo

C’era anche il campione caratese ieri sera, al faccia a faccia tra candidati sindaco organizzato dal Giornale di Carate. Si era messo in coda per una domanda ai tre “contendenti” schierati sul palco: Luca Veggian, Marco Pipino e Francesco Paoletti. Sarebbe stata una domanda sullo sport in città la sua, anticipata però dal cittadino che lo precedeva nella fila.

Potevamo farlo tornare al posto senza tributargli un caloroso applauso? Certo che no.

Il grazie alla “sua” Carate

L’applauso è partito spontaneo dalla folla presente in sala. E lui ha risposto con il suo bel sorriso e l’ormai nota gentilezza.

Leggi anche:  Carate: nuovo orario cimiteri, aperti in pausa pranzo

“Vi ringrazio perché mi siete sempre vicini”, ha affermato Tortu.

“In occasione della gara a Madrid del 22 giugno, è la prima volta che lo dichiaro pubblicamente, vediamo di abbattere il muro dei 10 secondi”. Ha aggiunto, mandando in visibilio il pubblico.