Trasporto pubblico: da luglio con un solo biglietto sarà possibile salire su diversi mezzi.

Trasporto pubblico, si cambia

L’Assemblea dei soci dell’Agenzia del trasporto pubblico locale della Città metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia ha approvato la proposta di Sistema tariffario integrato del Bacino di mobilità di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia.

Soddisfatto il presidente della Provincia

 “Oggi segniamo un punto di svolta per il Trasporto pubblico locale con l’approvazione del Sistema tariffario integrato – ha sottolineato Roberto Invernizzi, presidente della Provincia di Monza e della Brianza –   La nostra è la prima Agenzia della Lombardia ad aver ottenuto questo risultato che la Provincia insieme ai suoi Sindaci ha contribuito a raggiungere. Siamo pronti a fare partire la sperimentazione su gomma da luglio anche nel nostro territorio. Il vantaggio immediato dall’avvio del Sistema tariffario integrato è una tariffa migliore e agevolazioni grandi per diverse fasce di utenza.”

Cos’è il Sistema tariffario integrato

 Vediamo cosa è il Stibm, il  Sistema tariffario integrato del bacino di mobilità. L’introduzione di un nuovo sistema tariffario prevede in primo luogo l’integrazione tariffaria, ovvero la possibilità di utilizzare qualsiasi mezzo pubblico – bus,treno, metropolitana,tram – con un unico biglietto anche attraverso un criterio univoco ed oggettivo di determinazione della tariffa nel bacino di competenza. Si parte dal principio di superare la frammentazione e favorire l’intermodalità e l’interscambio passando dall’attuale frazionamento in zone e fasce-km all’accorpamento in corone circolari uniformi gomma-ferro che garantiranno l’integrazione e il coordinamento generalizzato dei servizi. In questo modo si prevede di superare gli squilibri attualmente presenti nel sistema a causa della mancata integrazione che in funzione del numero di gestori influisce sul costo del biglietto.

Leggi anche:  Monza Open 2020, sopralluogo degli esperti in Autodromo

Ci saranno diverse corone tariffarie

Nel nuovo modello ogni Comune sarà assegnato interamente ed unicamente a una singola corona tariffaria che è distanziata dalle altre in base a un passo costante pari a 5km (in analogia all’ampiezza delle fasce – km ferroviarie). Sono inoltre previste agevolazioni significative, tra cui la assoluta gratuità per i ragazzi fino a 14 anni, sconti fino a 26 anni e oltre i 65 anni e una attenzione particolare alla fascia di reddito fino a 6.000 euro.