Assegnato da Regione Lombardia oltre un milione e 400.000 euro all’Asst di Vimercate. Le risorse serviranno per il rinnovamento del parco tecnologico-sanitario.

Un milione e 400mila euro all’Asst di Vimercate

Un milione e 400mila euro destinati al rinnovamento del parco tecnologico-sanitario, ai sistemi informativi
aziendali, per gli approvvigionamenti e per opere di adeguamento tecnico. Sono i fondi assegnati da Regione Lombardia all’Asst di Vimercate. Gli interventi, già programmati, non richiedono ulteriore autorizzazione regionale.

A cosa serviranno

In ambito tecnico-sanitario, con un investimento complessivo di oltre 665 mila euro, sono previsti l’acquisto di diverse apparecchiature. Quelle più significative e onerose dal punto di vista economico sono un sistema di diagnostica scheletrica (205.000 euro), destinato alla Radiologia di Carate; una serie di videoendoscopi (132.600 euro) per la struttura di Endoscopia di Vimercate; un ecografo per la Riabilitazione Cardiologica dell’Ospedale di Seregno (55.000 euro) e due ulteriori impianti ecografici per la Terapia Intensiva e la Cardiologia di Vimercate (48.000 euro ciascuno).

Decisi, inoltre, l’acquisizione di un poligrafo (strumentazione che misura e registra diverse caratteristiche fisiologiche di un paziente), sempre per la Cardiologia di via Santi Cosma e Damiano; di una piattaforma stabilometrica (un sistema che offre la possibilità di accertare in modo semplice, veloce e sicuro la stabilità del paziente in posizione eretta) per la Riabilitazione Neurologica di Seregno; di un monitor fetale per l’Ostetricia e Ginecologia di Vimercate.

Leggi anche:  Funghi, che passione! Ma occhio alle intossicazioni

Fondi anche per gli adeguamenti impiantistici

Per una serie, invece, di interventi tecnici, sono stati resi disponibili quasi 570mila euro: saranno destinati a lavori e opere di adeguamento impiantistico presso le sale operatorie di Vimercate, i presidi territoriali e gli ospedali di Carate, Seregno e Giussano.
Per approvvigionamenti minori erogati poco oltre 40.000 euro, mentre per il rinnovamento dei sistemi informativi saranno spesi 175.000 euro, una buona parte dei quali per l’acquisizione di sistemi hardware e software per la realizzazione e il perfezionamento dei percorsi di accoglienza presso tutte le sedi territoriali dell’ASST.