È uno dei grandi marchi lombardi e dell’Italia intera, uno dei brand più famosi al mondo e dalla tradizione più antica: ora tutti potranno conoscere la storia della Pirelli grazie a un’interessante iniziativa editoriale, che ha portato alla realizzazione di una graphic novel digitale dedicata proprio al colosso milanese.

Pirelli raccontata in grafica

Basta recarsi sul sito ufficiale della compagnia per entrare nel mondo grafico, che alterna illustrazioni, immagini d’archivio e motion graphic design con contenuti extra di approfondimento durante la visione. Il risultato sono cinque episodi in cui si ripercorrono i 147 anni di storia industriale delle gomme della Pirelli e dell’azienda della Bicocca, vissuti cercando di portare avanti un’attività “all’insegna della tecnologia e dell’innovazione, sia nei prodotti che nella cultura d’impresa e comunicazione”, come si legge nel comunicato aziendale.

Un secolo e mezzo di storia

Il racconto ripercorre i 147 anni del brand, presenta al pubblico le persone che hanno reso possibile questo percorso e le tecnologie pioneristiche che hanno reso il marchio conosciuto in tutto il mondo, focalizzando anche su qualche prodotto speciale e sulle soluzioni commercializzate ancora oggi, sia per auto che moto, sia sui canali di distribuzione più classici che sui più moderni eCommerce come Euroimport Pneumatici: i nomi di questi modelli sono tra gli altri P Zero o Pirelli Diablo Rosso 3, che coniugano lo stile e la tecnologia della casa milanese.

Da Milano al mondo

Il progetto della graphic novel si chiama semplicemente “Pirelli, un’italiana nel mondo” e si compone di 5 capitoli, dedicati a cinque fasi salienti di questo secolo e mezzo circa di storia industriale. Si comincia con un passo indietro nel tempo, con l’episodio dedicato al “futuro della gomma” in cui siamo catapultati nel 1898, quando Giovanni Battista Pirelli, fondatore dell’azienda venticinque anni prima, assiste ai tumulti che agitano le vie di Milano e si interroga sulle ragioni che spingono la folla a ribellarsi.

Leggi anche:  Settimana Europea della mobilità, sindaco e assessori in Comune in bicicletta

I 5 episodi del progetto

Il secondo video, “Come nasce un brand“, ci trasporta negli anni Trenta e vede protagonista il figlio Alberto, che ha il compito di raccogliere l’eredità imprenditoriale e culturale del padre: a lui si deve l’impegno dell’azienda nella produzione di pneumatici e il primo impulso all’apertura internazionale del gruppo. Sfide proseguite negli anni successivi, come si mostra nella puntata “La Gomma è Pop“, ambientata negli anni del Dopoguerra e del boom economico, in cui si racconta anche il nuovo linguaggio di comunicazione scelto da Pirelli, popolare e immediatamente riconoscibile, come testimoniato dalla prima edizione del Calendario, nel 1963, e dal lancio di prodotti innovativi che hanno rivoluzionato la mobilità, come la gomma Cinturato.

Dal 1862 a oggi

Il quarto video ci accompagna alle soglie del nuovo millennio, “Al cuore dell’innovazione” come dice il titolo, quando il brand intraprende grandi sfide tecnologiche e mette in campo una rinnovata strategia di gruppo e, sul piano commerciale, il lancio di prodotti di alta qualità, testimoniati dalla citata linea P Zero. L’ultimo episodio, “E il viaggio continua”, ha il compito di riportarci verso il presente e di fotografare lo stato attuale di Pirelli, che ha attraversato varie riorganizzazioni societarie con l’ingresso di nuovi azionisti, concentrandosi sulla focalizzazione sul business consumer, sulla continua spinta tecnologica e sulla costruzione di un brand sempre più forte.