“Wondy sono io” e la scuola media “Da Vinci” di Lentate si uniscono per ricordare l’amata professoressa Marina Ferri, la 50enne seregnese che insegnava alla scuola media “Da Vinci” di Lentate sul Seveso, scomparsa a novembre dell’anno scorso a causa di un tumore contro cui ha combattuto con forza.

Arriva a Lentate la mostra “In viaggio con Wondy”

Farà tappa a Lentate la mostra fotografica “In viaggio con Wondy”, che racconta la storia della giornalista e scrittrice Francesca Del Rosso nella sua battaglia contro il cancro, combattuto sul filo dell’ironia, morta nel dicembre 2016 per un tumore. Un’iniziativa portata avanti dal marito, il giornalista Alessandro Milan, per diffondere la cultura della resilienza. L’esposizione sarà allestita in biblioteca (in via Monte Santo 2) dal 24 al 28 maggio negli orari di apertura al pubblico, con ingresso libero, ed è promossa dall’associazione culturale “Wondy sono io” per la diffusione della cultura della resilienza (www.wondysonoio.org), che prende il soprannome che la stessa Del Rosso si era data nei libri in cui parlava con ironia della sua malattia. Questa iniziativa nasce su proposta dell’Istituto Comprensivo “E. Toti” di Lentate sul Seveso per rendere omaggio alla professoressa di musica Marina Ferri, prematuramente scomparsa, come riconoscenza della sua forza e resilienza.

“Ricordando Marina”, inaugurazione il 24 maggio

L’inaugurazione della mostra “Ricordando Marina” è prevista per giovedì 24 maggio alle 18.30, con l’intervento della dirigente scolastica Rossana Colombo; alle 18.45 “R-esistere”, intervento della psicologa Federica Vergani, alle 19.10 “Note in concerto” a cura dei docenti di indirizzo musicale, alle 20 rinfresco. Una storia fatta di immagini e brevi testi, la mostra racconta il percorso e la malattia affrontata con coraggio da Francesca, attraverso fotografie e immagini che testimoniano lo stato di avanzamento della malattia e delle conseguenti reazioni. Obiettivo è sensibilizzare sulla capacità di trasformare le difficoltà della vita in opportunità.

Leggi anche:  Verano, mostra di presepi da tutto il mondo

L’assessore Del Pero: “Dobbiamo imparare da queste persone che non si arrendono di fronte alle difficoltà”

“Da subito ho appoggiato l’idea di questa iniziativa proposta dai ragazzi e dalle insegnanti della scuola secondaria di primo grado per ricordare la professoressa Marina Ferri – spiega l’assessore all’Istruzione Patrizia Del Pero. Un’occasione per rendere omaggio all’insegnante di musica, donna forte e coraggiosa, capace di tradurre quel concetto di resilienza, quella capacità di reazione alle più dure avversità, proprio come ha fatto Wondy, che si è fatta portatrice di un modo di affrontare le sfide senza arrendersi, senza tirarsi indietro, continuando a lottare e ad amare profondamente la vita. Da queste persone dobbiamo imparare ad affrontare le difficoltà, dalla loro audacia, a combattere le avversità, non a lasciarci travolgere da esse. Un insegnamento per tutti, grandi e piccini”.