Verano, maxi esercitazione dei volontari protezione civile lungo il Lambro.

volontari protezione civile

Squadre al lavoro in valle dei Mulini

Verano, maxi esercitazione dei volontari protezione civile lungo il Lambro.  Sono stati impegnati 56 volontari appartenenti alle associazioni riunite sotto la sigla “COM2”. La giornata di addestramento sull’asta del fiume Lambro – che ha goduto della  visita e saluto  di Flaviano Regondi (responsabile Protezione Civile Provincia Monza Brianza), di Roberto Invernizzi (presidente  della Provincia) e dell’assessore alla protezione civile di Verano  Samuele Consonni – è stata realizzata in località Valle dei Mulini e ha visto la partecipazione del gruppo di Verano  di Besana, Carate, Giussano, Macherio-Sovico, Renate-Veduggio, Triuggio.

Gli interventi

Le associazioni hanno lavorato in sincronia, a cominciare dalla creazione di un campo per sfollati col montaggio delle tende in dotazione. A questo, è seguito la simulazione di una catena di motopompe con pescaggio da una cisterna con obiettivo il riempimento di una vasca per Anti Incendio Boschivo (AIB) ad uso di elicotteri.
Dopo la pausa pranzo, il pomeriggio è stato impiegato nella creazione di sacchetti di sabbia – approfondendo tutte le tecniche e informazioni utili per ottimizzare uomini e tempi, per creare un muro di contenimento e una coronella per contenere eventuali fontanazzi (sorgente che si forma per infiltrazione d’acqua nel terreno).
Smontate le tende e liberato il campo, i volontari sono rientrati “in colonna mobile” alle proprie sedi, dopo circa 8 ore di esercitazione.

Leggi anche:  Presunti maltrattamenti a bambini a Cesano, la Lega: "Telecamere negli asili"

I veranesi padroni di casa

La simulazione è stata fortemente voluta dal COM2 e l’associazione di Verano   si è fatta trovare pronta, coordinata da Antonio Logiacco. “L’esercitazione è un’occasione preziosa per capire quali sono i punti di forza di ogni associazione, ciascuna con le proprie peculiarità e specializzazioni: una cosa di cui andare fieri”, ha sottolineato Logiacco. Nel caso di Verano,  specializzata nel rischio idrogeologico, la giornata di domenica è stata sfruttata per insegnare ai nuovi volontari cosa vuol dire fare protezione civile in emergenza. Un bel mix tra la voglia di fare dei nuovi e l’esperienza dei “vecchi” per avere volontari (17 ad oggi) pronti a lavorare in sinergia in qualunque momento.

Prossimi appuntamenti

Mercoledì 27 marzo, formazione nella scuola secondaria,  mentre il 31 marzo i volontari veranesi  saranno di ausilio alla camminata delle famiglie della scuola dell’infanzia “Regina Margherita”; il 7 aprile parteciperanno alla festa della solidarietà   e  il 14 aprile saranno impegnati nella distribuzione delle uova di Pasqua.

volontari protezione civile