Dopo il caso di maltrattamenti all’asilo di Varedo l’assessore alle Politiche per la famiglia, genitorialità e pari opportunità di Regione Lombardia Silvia Piani commenta: “Serve subito un tavolo di lavoro per attuare nuove iniziative a tutela dei minori” e apre alle telecamere “Negli asili possono essere una risorsa utile”.

Maltrattamenti asilo Varedo. L’assessore regionale apre alle telecamere

“I fatti contestati a Varedo sono gravissimi e intollerabili. Gli asili, che sono luoghi dove i bambini dovrebbero sentirsi accuditi e protetti, ancora una volta sono stati oggetto di episodi di violenza inaudita”. Cosi’ l’assessore alle Politiche per la famiglia, genitorialità e pari opportunità di Regione Lombardia Silvia Piani a seguito dell’arresto per maltrattamenti di una maestra della scuola dell’infanzia a Varedo.

Serve un tavolo di lavoro urgente

“E’ necessario e urgente – prosegue l’assessore – valutare provvedimenti per fare in modo che episodi come questi non avvengano più. Nelle prossime settimane – ha anticipato l’assessore – proporrò la costituzione di un tavolo di lavoro con i colleghi di Giunta, il Garante per l’infanzia e i rappresentanti dei genitori e degli educatori. Questo per valutare specifiche ed ulteriori iniziative per tutelare i minori da violenze e abusi di qualsiasi genere”.

Leggi anche:  All'ospedale di Vimercate arriva la Tac di ultima generazione

Telecamere negli asili

L’assessore Piani mostra anche segnali di apertura alla questione delle telecamere negli asili. “Ritengo che l’utilizzo delle telecamere negli asili tutelerebbe i minori da eventuali abusi e violenze. E’ inoltre necessario investire in formazione del personale e in forme di prevenzione da stress. La capacità di ogni insegnante a saper gestire episodi di stress è un elemento imprescindibile che andrebbe
valutato caso per caso, intervenendo in forma preventiva qualora emergano elementi preoccupanti. Quello che è certo – ha concluso l’assessore – è che episodi come quelli di Varedo devono essere oggetto di punizioni esemplari, senza nessuno sconto”.