Visite ed esami diagnostici: basta code al Cup e attese telefoniche per gli over 75 grazie al progetto dell’ASST di Monza.

Visite ed esami diagnostici: novità in Brianza

Dopo l’inserimento in Pronto Soccorso del codice argento dedicato alla gestione dei pazienti anziani, dal 1° giugno è partito un altro nuovo progetto targato ASST Monza dedicato esclusivamente agli over 75, in collaborazione sia con l’Associazione Chimica Farmaceutica Lombarda, che riunisce le 74 farmacie private presenti sul territorio della ASST di Monza, sia con le 19 farmacie comunali presenti sul territorio della ASST nonché con Farma.Co.M. Spa, la società che gestisce le 10 farmacie comunali monzesi.

I territori interessati

Il progetto interessa tutto il territorio che rientra nel bacino di competenza della ASST di Monza, ovvero Monza, Bovisio Masciago, Brugherio, Cesano Maderno, Desio, Limbiate, Muggiò, Nova Milanese, Varedo, Villasanta ed è finalizzato alla riduzione delle liste d’attesa per questi pazienti.

Farmacia in prima linea

In prima linea ci saranno le farmacie e gli specialisti ospedalieri per “prendersi cura”, sotto ogni aspetto, delle esigenze dei pazienti più anziani a partire dalla prenotazione delle visite e degli esami di controllo. Basta quindi sia alle code al Cup che alle attese telefoniche al Call Center Regionale per gli over 75.

In farmacia sarà quindi possibile prenotare visite ed esami diagnostici prescritti dai Medici di Medicina Generale con priorità P (Programmabile)

Leggi anche:  Tutti pronti per correre da Monza al Resegone INFO

Gli esami prenotabili

Nello specifico gli anziani potranno prenotare:

  • ecocardiografia colordoppler a riposo,
  • ecografia addome completo/superiore/tiroide,
  • elettrocardiogramma,
  • esame del fundus oculi o controllo oculistica,
  • spirometria semplice e globale,
  • rx torace,
  • visita nefrologica (controllo)
  • visita pneumologica (controllo).

“Questo progetto interpreta al meglio la strategia della ASST di Monza – sottolinea il Direttore Generale Mario Alparone – che è quella di rendere maggiormente accessibili le eccellenze cliniche della nostra azienda ai pazienti attraverso la creazione di una “rete” formata da tutte le professionalità presenti sul nostro territorio. Questo è particolarmente importante quando si parla di anziani che potranno prenotare visite ed esami mentre ritirano ad esempio i farmaci nella farmacie del nostro territorio, senza dover affrontare le file dei nostri CUP. Un ottimo esempio di applicazione delle indicazioni che ci vengono date da Regione per realizzare la presa in carico dei pazienti cronici e fragili poiché le farmacie rappresentano il più frequente ed agevole punto di accesso per questi pazienti”.