Una mozione forte con cui rinnovare il partito e tornare ad essere un’alternativa credibile. Una sala Pro Desio gremita per l’occasione ha accolto l’unica tappa brianzola del candidato alla segreteria nazionale del Partito Democratico Nicola Zingaretti.

Zingaretti a Desio ha presentato il suo comitato “Piazza Grande”

Il Governatore del Lazio ha presentato a Desio il suo comitato “Piazza Grande” e il programma con cui partecipa alle elezioni primarie aperte del prossimo 3 marzo.”«Queste primarie non riguardano solo il Pd e chi si interessa al partito, ma è un appuntamento importante per tutta l’Italia. Dobbiamo ricostruire una proposta alternativa che sia credibile a questo governo, e non riusciremo mai a farci guardare di nuovo con fiducia se non passiamo attraverso una fase di cambiamento”, ha detto Zingaretti nel corso del suo intervento.

“Dobbiamo tornare nei quartieri”

“Dobbiamo tornare nei quartieri, ma anche arrivare ed essere presenti in rete. Perché ormai internet è un luogo complementare alla vita delle persone e non possiamo pensare che anche in rete non debba esserci spazio per un pensiero progressista. Dobbiamo porci come  alternativa di questo governo che è ormai paralizzato da uno scontro identitario tra i due partiti che lo compongono e che ha portato a un bilancio catastrofico in questi primi mesi”.

Leggi anche:  Raccolta rifiuti, delegazione del Libano in visita alla sede di Gelsia Ambiente

Tanti gli spunti di riflessione alla mozione

Prima del candidato segretario sono intervenuti anche alcuni membri del partito e della società civile per portare un contributo e spunti di riflessione alla mozione. Si sono rivolti alla sala e a Zingaretti il segretario desiano del Pd Angelo Paola, il sindaco Roberto Corti, Paola Nobili, dirigente del liceo artistico «Modigliani» di Giussano, il coordinatore provinciale di Arci Stephan Greco, il segretario dei Giovani Democratici di Cesano Maderno Alberto Fascì e la coordinatrice provinciale della mozione e assessore alla cultura del comune di Nova Milanese Irene Zappalà.