Accoltellamento in pieno giorno, paura in centro.

Raid punitivo

Attimi di paura in pieno centro, in pieno giorno. Erano circa le 15 quando passanti e negozianti hanno lanciato l’allarme per un accoltellamento che si è verificato in via Gramsci. Stando alle prime testimonianze, si sarebbe trattato di un vero e proprio regolamento di conti tra due extracomunitari di 22 e 25 anni. L’aggressore, insieme ad un amico, sarebbe arrivato addirittura da Lecco e si sarebbe diretto verso il portone di una casa di via Gramsci.

Sangue e paura

Da qui, dopo pochi istanti, un altro extracomunitario è uscito sanguinante e nella via l’aggressore lo ha raggiunto di nuovo colpendolo più volte anche a mani nude. Subito è stato lanciato l’allarme e per qualche istante si è temuto il peggio. I passanti hanno richiamato l’attenzione di una pattuglia dei carabinieri impegnati in corso Milano per un posto di blocco. Sul posto nel giro di pochi minuti sono arrivate un’ambulanza, un’automedica, un’altra gazzella dei carabinieri e una volante della Polizia di Stato.

Leggi anche:  Incidente con un'auto, il postino finisce in ospedale VIDEO

Misura colma, appello al sindaco

La misura di residenti e negozianti è colma. Nella zona, ogni giorno, la tensione è altissima. Liti e aggressioni sono ormai parte della vita quotidiana. Tanto che i negozianti, soprattutto le commesse e le titolari dei negozi lanciano un appello al sindaco Dario  Allevi: “Venga qui a passare un giorno con noi, qui non si può più vivere”.