Aggressioni e violenze contro la moglie arrestato giussanese di 45 anni.

Violenze da 15 anni

Aggressioni e violenze contro la moglie arrestato giussanese di 45 anni.  Da quindici anni si accaniva contro la moglie, con percosse, minacce e violenze varie, molto spesso anche davanti ai due figli minorenni. Ma il 5 aprile, il giussanese L. P. 45 anni, è stato arrestato dai carabinieri di Giussano per maltrattamenti aggravati, in famiglia.
Solo pochi giorni fa, il 28 marzo, era stato disposto nei suoi confronti un provvedimento d’urgenza per l’allontanamento dalla famiglia, provvedimento però che è stato più volte violato, e che il giudice ha poi deciso di trasformarlo in custodia cautelare in carcere.
Il giussanese, si era presentato a casa, per ben due volte, armato di coltello, minacciando alla gola la conserte.  Padre di due figli piccoli, disoccupato, con precedenti di Polizia, andava avanti con queste violenze nei confronti della moglie – sua coetanea – da una quindicina d’anni.
La donna non aveva mai trovato il coraggio di denunciare, poichè temeva per sè e per i suoi figli, diversi però sono stati gli episodi in cui era finita al pronto soccorso con ferite e lesioni in tutto il corpo. Tutte le volte raccontando scuse e bugie ai medici, per paura di ritorsioni ed evitare ulteriore botte da parte del marito. Venerdì scorso, però, i militari sono tornati di nuovo nell’abitazione, questa volta per arrestare l’uomo.

Tutti i dettagli della notizia sul Giornale di Carate in edicola martedì 9 aprile