Al Maria Letizia Verga inaugurato il Giardino della Sport Therapy

Lo sport come terapia. E’ stato inaugurato mercoledì il Giardino della Sport Therapy del Comitato Maria Letizia Verga che da 40 anni unisce medici, genitori e famiglie nella ricerca, cura e assistenza contro le leucemie, i linfomi e le altre malattie del sangue. Si tratta di nuova palestra a cielo aperto, situata nel giardino pensile del centro di via Cadore, a Monza, e ideata per contrastare a livello osteo-muscolare gli effetti debilitanti delle cure farmacologiche e a far proseguire il percorso di crescita fisiologica dei giovani pazienti.

L’area è stata realizzata grazie al concorso creativo di progettazione green indetto nel 2018 da Myplant & Garden – il Salone internazionale del Verde – e da Fondazione Minopri.
Il percorso della Sport Therapy presenta rilevanti benefici, come ha sottolineato la dottoressa Francesca Lanfranconi, specialista in Medicina dello Sport, coordinatrice del progetto con la professoressa Adriana Balduzzi, responsabile Day Hospital del Centro Maria Letizia Verga e con il dottor Momcilo Jankovic, pediatra ed Ematologo.

Leggi anche:  Una donna alla guida dell'amministrazione dell'Asst di Vimercate

«L’analisi dei dati in corso e l’entusiasmo dei partecipanti dimostrano che la Sport Therapy contribuisce a contrastare gli effetti collaterali delle terapie, aiuta il bambino ad avere una migliore vita sociale e psicologica – ha fatto sapere Lanfranconi – Non rinunciare a tutti i benefici dello sport, pur nel percorso della malattia, è un impagabile valore di stimolo verso la guarigione».
Nel giardino della Sport Therapy bambini e ragazzi in cura presso il Centro Maria Letizia Verga possono allenarsi anche all’aria aperta, oltre che nella già esistente palestra del Centro (e nelle camere), praticando gli esercizi e i gesti tecnici come il golf e il calcio. Soddisfatto il Presidente del Comitato, Giovanni Verga, che vede realizzarsi l’ennesimo progetto a favore dei bambini. «Da 40 anni lavoriamo con i medici e le famiglie per dare ai nostri bambini il meglio delle cure e dell’assistenza. Anche questo giardino è uno spazio importante dove lo sport può diventare terapia».